music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

post_industrial_boys_unintendedPOST INDUSTRIAL BOYS – Unintended
(Karaoke Kalk, 2016)

Dal medesimo collettivo artistico dal quale è emersa Natalie Beridze (TBA) proviene George Dzodzuashvili aka Gogi, che dopo dieci anni di silenzio torna a manifestarsi con il suo progetto Post Industrial Boys.

In equilibrio tra pop ed elettronica minimale, i dieci brani di “Unintended” rispolverano un’indie-tronica dai contorni ovattati e irregolari, declinata con lieve sensibilità melodica e con un understatement che non disdegna oblique contaminazioni jazz e folk. È il caso di “Naked”, il cui testo è tratto da una poesia tradizionale georgiana e cantato in lingua originale dall’attrice Mzia Arabuli, o di “Next Time Maybe” e della conclusiva title track, istantanee sospese di soffusa post-modernità pop.

(pubblicato su Rockerilla n. 426, febbraio 2016)


https://www.facebook.com/Post-Industrial-Boys-459879697487944/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 28 febbraio 2016 da in recensioni 2016 con tag , , , , , , , , .
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: