music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

ennio_mazzon_pavement_narrowsENNIO MAZZON – Pavement Narrows
(Discreetrecords, 2016)

Dal caos al silenzio, dal ritmo alla stasi, dalla concretezza post-industriale delle macchine alle astrazioni di moti naturali impalpabili: è un itinerario di ricerca che oscilla tra antonimi concettuali quello tracciato da Ennio Mazzon nel suo recente “Pavement Narrows”.

Le sue undici tracce, dall’abituale forma libera, riassumono in una sequenza di concise stanze sonore comunicanti le une con le altre l’ampiezza del terreno espressivo di Mazzon. Superato il vortice urticante dell’incipit “Hunting Souvenirs”, il lavoro alterna ulteriori passaggi di rumore abrasivo, dalla marcata impronta fisica (“Salmon Run”, “Marineat Nighttime”) a dilatazioni ambientali (“Add Ten To Nine”) e saturazioni granulose (“Tryst”), pure scosse da fremiti e impulsi ritmici a tratti particolarmente decisi (“Masu”).

Mazzon sembra affidare ai due brani finali la sintesi di un’esperienza creativa e d’ascolto trascendente, frutto di un’incessante intersezione di piani in forza della quale il rumore si fa liquido, la materia evapora e il suono si amplifica in una dimensione di naturale, soverchiante libertà.

http://skritha.wordpress.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: