music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

gallery_six_sound_awakener_here_comes_the_acoustic_seasonGALLERY SIX + SOUND AWAKENER – Here Comes The Acoustic Season
(Unknown Tone, 2016)

La stagione acustica è una stagione dell’anima, sospesa in brevi istanti di grazia sensoriale nei quali regna una completa armonia percettiva tra uomo e natura; più che della traccia concettuale si tratta delle impressioni suscitate dai quattro brani che rappresentano il risultato di una collaborazione originata tutta dall’estremo oriente, la seconda che dall’inizio dell’anno vede protagonista Nhung Nguyễn, questa volta nelle vesti del suo alter-ego sperimentale Sound Awakener insieme a Hidekazu Imashige, alias Gallery Six.

“Here Comes The Acoustic Season” nasce dal reciproco apprezzamento dei rispettivi lavori da parte dei due artisti asiatici, il cui serrato dialogo a distanza ha sviluppato una progressiva apertura delle loro creazioni a sensazioni totalizzanti, coinvolgenti tutti i sensi nella stessa misura nella quale sono sollecitati nella vita quotidiana. Nulla di artefatto, nessuna speculazione contorta intellettuale è sottesa al lavoro, bensì soltanto un flusso che unisce i field recordings e l’impressionismo naturalista dell’artista giapponese e le soffici stratificazioni ambientali della giovane vietnamita, che nell’occasione ha applicato a suoni di matrice elettronica un approccio sostanzialmente classico, affine a quello da lei sviluppato nella più romantica produzione a proprio nome, copiosamente rilasciata attraverso la sua pagina Bandcamp.

La dimensione acustica evocata dal titolo è da intendersi in senso non letterale ma sostanziale, i suoi quaranta minuti sono piuttosto il prodotto di una sequenza di modulazioni minimali e rilucenti stille armoniche, la cui quiete decompressa e sognante, evidente a partire dalla title track d’apertura, trova tuttavia corrispettivo nei sguscianti effetti elettronici di “Minimalistic Freedom” e nelle correnti distorsive di “Dreamlike Twilight”. Gli oltre venti minuti della carezzevole sinfonia finale “I Can Not Hold You Long Enough” amplificano poi al massimo grado l’incantato spazio sonoro creato dai due artisti, uno spazio al tempo stesso interiore ed esteriore, nel quale convogliare pensieri ed emozioni per lasciarli spontaneamente fluire.

http://www.facebook.com/gallery.six
http://soundawakener.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: