music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

DAVID KOHLNE – Granular Canvas
(Whitelabrecs, 2017)

Quello firmato David Kohlne non è il debutto di un novello artefice di microcosmi sintetici, bensì soltanto la prima manifestazione ufficiale del nuovo alter-ego di un artista con tre lustri di esperienza alle spalle, che si mantiene volutamente misterioso, celato da un alias che lascia comunque trasparire aderenze con derive cosmiche di ascendenza teutonica.

I sei densi brani di “Granular Canvas” mirano infatti a intrecciare connessioni con dimensioni aliene, attraverso frequenze proiettate verso l’infinito da fonti sintetiche filtrate da supporti analogici che ne amplificano le irregolarità e il latente stato di tensione determinato dalle loro iterazioni. Ne risultano strati di atmosfera sulfurea, pullulanti di microelementi in sospensione, che rendono l’ambience creata da David Kohlne fortemente distopica, in bilico tra il lato più decompresso e uggioso della tavolozza di Scott Morgan, la ricercata minutaglia analogica di PanAmerican e l’equilibrio particellare di Taylor Deupree.

Chiunque si celi dietro l’alias David Kohlne, la sua proposta d’ascolto resta compresa tra simili coordinate, ricondotte a minimale unità sotto forma di stranianti saggi di impressionismo sintetico-ambientale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 maggio 2017 da in recensioni 2017 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: