music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

aine_odwyer_locustsÁINE O’DWYER – Locusts
(Fort Evil Fruit, 2016 / Penultimae Press, 2017)

Da quando, nel 2011, l’arpista Áine O’Dwyer ha scoperto le potenzialità sonore degli organi da chiesa non ha mai smesso del tutto di cimentarsi con tale strumento e con la relativa ambientazione, entrambi inconsueti anche per artisti dediti alla sperimentazione.

Così, accanto alle sue numerose collaborazioni (in particolare la partecipazione al collettivo United Bible Studies), la musicista irlandese è tornata a esibirsi in chiese deserte, come aveva fatto la prima volta in maniera estemporanea per quello che poi è diventato “Music For Church Cleaners Vol. I And II”. La cassetta “Locusts” è appunto testimonianza dei nuovi studi sullo strumento della O’Dwyer, registrati in presa diretta in una chiesa congregazionale newyorkese e in una remota cattedrale nel Lancashire.

Si tratta di sette brani costituiti in prevalenza da iterazioni di note e solenni impennate di tonalità, entrambe presentate seguendo un ampio spettro sonoro che muove da frequenze basse per raggiungere acuti apici di inquietudine. Il raccoglimento abitualmente connaturato allo strumento si alterna dunque con una tensione non meno spirituale, ma tale da trasfigurare premesse e contenuto e persino contesto di esecuzione in maniera visionaria e spettrale.

https://aineodwyer.bandcamp.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: