music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

S. CAREY – Hundred Acres
(Jagjaguwar, 2018)

Meritatamente affrancatosi dal cono d’ombra di Bon Iver, del quale era stato batterista, Sean Carey ribadisce nel terzo album la propria personalità di cantautore sensibile, dedito a una formula folk dalle ambientazioni e degli arrangiamenti ovattati.

Depotenziando i caratteri più atmosferici del precedente “Range Of Light” (2014), Carey punta su una strumentazione più limitata (chitarra, synth, archi e percussioni) per rifinire canzoni al centro delle quali il suo timbro vocale appare più soffice che mai. A brani dai caratteri così evanescenti corrisponde una scrittura a tratti troppo timida, ma sufficiente a delineare ariosi orizzonti indie-folk.

(pubblicato su Rockerilla n. 450, febbraio 2018)

http://scarey.org/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 febbraio 2018 da in recensioni 2018 con tag , , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: