music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

WIL BOLTON – Surface Reflections
(Sound In Silence, 2019)

Pochi musicisti impegnati in campo ambient-drone possiedono profili espressivi nettamente riconoscibili come Wil Bolton: il compassato calore delle sue timbriche chitarristiche e il dosaggio sognante degli effetti che le amplificano rappresentano quasi una “firma” apposta dall’artista inglese su una varietà di lavori solisti e collaborativi. Ciò vale pienamente anche nelle cinque tracce raccolte in “Surface Reflections”, elaborate a partire da stratificazioni di field recordings raccolti in un contesto di quotidianità metropolitana, alle quali sono stati accostati loop chitarristici e soffici frequenze sintetiche.

Sviluppando le proprie manipolazioni lungo durate estese tra gli oltre cinque e gli undici minuti, Bolton offre nuovo, lucido saggio del suo equilibrio nel dosare gli elementi che le compongono, combinandoli in paesaggi sonori densi di calore sognante. Nell’operazione, l’artista inglese mantiene grande cura nello svolgimento di graduali snodi compositivi e soprattutto nella definizione di un’ambience coinvolgente e riflessiva, ma soprattutto dotata di carezzevoli contenuti armonici.

http://wilbolton.co.uk/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 agosto 2019 da in recensioni 2019 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: