music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

SYLVAIN CHAUVEAU – Life Without Machines
(Flau, 2020)

Le stazioni della via crucis raffigurate nella serie di dipinti in bianco e nero di Barnett Newman e il giardino delle pietre del tempio buddista Ryōan-ji a Kyoto, accomunati dal numero quattordici, costituiscono il filo conduttore delle altrettante tracce che formano il nuovo lavoro di Sylvain Chauveau.

Fedele come sempre alla sua ricerca di un grado zero espressivo, il compositore francese affida alle esecuzioni della pianista Melaine Dalibert una sequenza di scarni frammenti, completamente spogliati di elementi meccanici, a simboleggiare la ricerca di un naturalismo alieno dalla dipendenza dalle macchine. Il messaggio giunge a destinazione con minimale, emblematica efficacia.

(pubblicato su Rockerilla n. 476, aprile 2020)

http://www.sylvainchauveau.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: