WILL STRATTON The Changing Wilderness (Bella Union, 2021)* “The Changing Wilderness”, ovvero di come la sensibilità di un songwriter si discosti dalla sola introspezione per proiettarsi verso il mondo esteriore, dai conflitti di un animo inquieto a quelli di una società sempre più incerta e frammentata. È, a suo modo, un album “politico” il settimo…

DRAB CITY – Good Songs For Bad People (Bella Union, 2020)* Curiosa la storia e decisamente particolare il modo di presentarsi di quello che viene a tutti gli effetti introdotto come debutto del “misterioso” duo Drab City. In realtà, facendo qualche ricerca, in maniera nemmeno troppo agevole si scopre che dietro tale denominazione, effettivamente inedita,…

THE INNOCENCE MISSION – See You Tomorrow (Bella Union, 2020)* È sicuramente capitato a tutti di pensare almeno una volta “fermate il mondo, voglio scendere”; ebbene, uno dei tasti in grado di avviare il processo coincide con quello play di ogni nuovo lavoro degli Innocence Mission. Succede da ormai oltre trent’anni, e ancor più di…

MODERN NATURE – How To Live (Bella Union, 2019) Un intreccio di esperienze artistiche presiede alla genealogia di Modern Nature, denominazione sotto la quale si presentano per la prima volta sulla lunga distanza (dopo l’Ep di inizio anno “Nature”) Jack Cooper (Mazes, Ultimate Painting), Aaron Neveu (Woods) e Will Young (Beak>). I variegati percorsi dei…

DAUGHTER OF SWORDS – Dawnbreaker (Bella Union, 2019) Per Alexandra Sauser-Monnig delle Mountain Man, Daughter Of Swords rappresenta un nuovo inizio, dal punto di vista sia personale che artistico. A margine del lungo periodo di silenzio intercorso tra i due album del terzetto femminile, Alexandra ha intrapreso la ricerca di una propria autonoma personalità, dapprima…

LOWLY – Hifalutin (Bella Union, 2019) Scoperti da Simon Raymonde e subito posti sotto l’ala protettiva della sua Bella Union, i danesi Lowly si presentano al secondo album rimescolando le tessere del dream-pop analogico che ne caratterizzava il debutto “Heba” (2017). Realizzato assemblando parti create separatamente dai cinque componenti ai quali si è nel frattempo…

THE INNOCENCE MISSION – Sun On The Square (Badman / Bella Union, 2018)* Sono sufficienti i primi cinque secondi del brano di apertura “Records From Your Room” a materializzare ancora una volta la formula ideale per proiettare fuori dalla frenesia della vita contemporanea, nel mondo dai colori pastello pennellato da ormai quasi tre decenni dagli…

SUMIE – Lost In Light (Bella Union, 2017) Sul finire del 2013, il suo omonimo debutto incantò per grazia e sognante trasversalità di linguaggi nell’affrontare la materia cantautorale. Dopo un periodo dedicato alla quotidianità lavorativa e alla ricerca di spunti e parole per la sua scrittura, la nipposvedese Sandra Sumie Nagano si mostra ulteriormente maturata nel…

LOWLY – Heba (Bella Union, 2017) Per i Lowly non potrebbe esserci credenziale migliore della benedizione di Simon Raymonde, che li aveva scoperti nel 2015 durante un festival in Danimarca e ne propone l’album di debutto sulla sua Bella Union. Co-prodotto da Anders Boll (già al lavoro con gli Efterklang), “Heba” riempie le lusinghiere premesse…

MARISSA NADLER – Strangers (Sacred Bones / Bella Union, 2016) Non sono più una novità le tinte seppiate e gli atteggiamenti di ostentata, sensuale raffinatezza quando si tratta di un disco di Marissa Nadler. Al settimo lavoro sulla lunga distanza (“The Sister” è da lei stessa considerato un Ep), la cantautrice bostoniana è ormai una…

WILD NOTHING – Life Of Pause (Captured Tracks / Bella Union, 2016) Al terzo disco, dopo lo splendido debutto all’insegna di una casalinga passione wave “Gemini” (2010) e le più recenti derive verso il synth-pop di “Nocturne” (2012), Jack Tatum non vuole correre il rischio di restate ingabbiato in un revivalismo dal fiato inevitabilmente corto. Per…

PROMISE AND THE MONSTER – Feed The Fire (Bella Union, 2016) Oscurità e luce, dolcezza e forza, cristallina essenzialità acustica e tormentate torsioni sintetiche: l’universo espressivo di Billie Lindahl vive di contrasti, ricondotti a unità dall’incanto della sua voce evocativa, che torna a manifestarsi per la terza volta in quasi dieci anni di attività sotto l’alias…

memories: OCEAN SONGS

DIRTY THREE – Ocean Songs (Bella Union, 1998) Quando il rock non era ancora “post-“, ma la sua dimensione strumentale legata a composizioni di lunga durata erano diventate inusuali rispetto, ad esempio all’immediatezza energica del grunge, dagli antipodi si affacciava sulle scene uno strano terzetto che al tradizionale triangolo chitarra-basso-batteria associava il suono di un…

TINY RUINS & HAMISH KILGOUR – Hurtling Through E.P. (Bella Union, 2015) Due storie personali e due percorsi artistici sviluppati secondo tempi e modalità diverse, ma entrambi radicati in maniera decisiva in Nuova Zelanda, si sono incontrati in due occasioni a New York, dove hanno intrapreso una collaborazione intrigante, adesso tradotta nell’Ep “Hurtling Through”. Ne…

PETER BRODERICK – Colours Of The Night (Bella Union, 2015) Da un nuovo lavoro di Peter Broderick non si sa mai cosa attendersi, tanto più quando sono trascorsi ben tre anni dal suo ultimo disco solista, quel “These Walls Of Mine” che lo aveva visto, tra l’altro, nell’ulteriore inedita veste hip hop (!). Nel frattempo,…

[streaming] Peter Broderick – Red Earth

“Colours Of The Night”, Peter Broderick’s first full-length for Bella Union in three years, had a rather odd conception to say the least. The American born multi-instrumentalist and songwriter went along for the ride when invited for a so-called “recording residency” in the small town of Lucerne, Switzerland. Through several memorable concert evenings in the…

[streaming] Inventions – Springworlds

Inventions are the collaborative sum of longtime friends Matthew Cooper of Eluvium, and Mark T. Smith of Explosions In The Sky. Their 2013 eponymous debut album introduced an ambition to create music that was both challenging and comforting. Their new album, “Maze Of Woods”, opens with a vocal sample declaring, “I wanted to do something that…

PETER BRODERICK – (Colours Of The Night) Satellite (Bella Union, 2014) È un periodo segnato da cambiamenti quello attraversato negli ultimi due anni da Peter Broderick. Si tratta in buona misura della ricerca di un orizzonte espressivo ancora più ampio di quello che già contemplava versatile neoclassicismo e introspezione cantautorale, manifestatosi due anni fa in “These…

TINY RUINS – Brightly Painted One (Bella Union, 2014) Ha un po’ il sapore del ritorno alle proprie origini la pubblicazione da parte di Bella Union del secondo lavoro sulla lunga distanza di Hollie Fullbrook a nome Tiny Ruins. Reduce dal non del tutto convincente Ep dello scorso anno, “Haunts”, l’artista inglese ma neozelandese d’adozione raccoglie…