music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

eagleowl_this_silent_yearEAGLEOWL – This Silent Year
(Fence, 2013)

Certo che, per una band che si autodefinisce di “lethargic pop”, impiegare quasi un decennio prima di dare alle stampe il proprio debutto sulla lunga distanza potrebbe considerarsi alla stregua di una pratica di coerenza, se non fosse per l’attesa che circonda un simile evento, almeno tra quei pochi che, nella natia Edimburgo e altrove, ne avevano scoperto l’intenso (post-)folk cameristico grazie a uno dei tre Ep pubblicati tra il 2008 e il 2010.

Gli otto brani di “This Silent Year” vedono dunque gli Eagleowl sviluppare in maniera più organica l’originario impianto di voce e chitarra supportate da un violino, non solo per la durata del lavoro (comunque contenuta a una quarantina di minuti) ma soprattutto grazie a una più ampia sezione strumentale, che accentua le componenti ritmiche e orchestrali delle gentili narcolessie armoniche create dall’intreccio delle voci di Bart e Clarissa. Proprio le cadenze rallentate di melodie sempre lievi ed ariose rendono inevitabile che il pensiero corra per un attimo ai Low (“Summerschool” e “Eagleowl Vs Woodpigeon”, ideale tributo alla pregressa collaborazione con Mark Hamilton), nonostante l’impostazione della band scozzese sia più marcatamente folk e punti con decisione su ricchi arrangiamenti di violoncello, contrabbasso e organo (quest’ultimo tra l’altro suonato dall’ottimo Rob St. John).

È dunque il romanticismo degli arrangiamenti da camera a caratterizzare i brani di “This Silent Year”, facendone così rifulgere le carezze melodiche e ammantandoli di un senso di austera nostalgia, che li carica di una latente tensione emozionale, infine liberata dal deciso crescendo elettrico di lontane reminiscenze di post-rock orchestrale della lunga (dodici minuti) “Too Late In The Day”.
Lente progressioni e agrodolci florilegi cameristici completano così le armonie sospese veicolate dalle voci, rendendo “This Silent Year” un’opera tanto timida quanto preziosa, che ne ripaga interamente la lunga attesa.


http://www.eagleowlattack.co.uk/

Un commento su “

  1. Pingback: rearview mirror: 2013 | music won't save you

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20 agosto 2013 da in recensioni 2013 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: