music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

laetitia_sadier_something_shinesLAETITIA SADIER – Something Shines
(Drag City, 2014)

È come se il tempo non passasse per Laetitia Sadier, almeno a giudicare dalla copertina e dai temi affrontati nel terzo episodio della sua finora opaca attività solista: fluorescenze tridimensionali, tratti giovanili e una colta impronta concettuale, ispirata a “La società dello spettacolo” di Guy Debord.

Il situazionismo e la critica sociale sono svolti, come ai tempi degli Stereolab, nell’ossimorico formato di canzoni leggere e sognanti, che la maturità dell’artista plasma con pennellate raffinate e decadenti.

Il retro-futurismo pop si associa a suadenti languori gainsbourghiani e tappeti lounge interstellari nelle dieci tracce sospese tra cielo e terra che formano il disco solista più convincente della Sadier.

(pubblicato su Rockerilla n. 410, ottobre 2014)

https://www.facebook.com/pages/Lætitia-Sadier/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14 ottobre 2014 da in recensioni 2014 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: