music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

ennio_mazzon_ceriseiciclesENNIO MAZZON – CeriseIcicles
(Ripples, 2014)

Esistono almeno due piani che presiedono all’elaborazione di fonti audio concrete: quello concettuale e quello tecnico-realizzativo. Entrambi ricorrono nella nuova “installazione sonora” di Ennio Mazzon, che trae le mosse dalla proteiforme predominanza della natura descritta in una citazione dell’ultimo romanzo di Michel Houellebecq tradotto in italiano (“La Carta e il Territorio”) ed è stato realizzato attraverso una serie di improvvisazioni su piattaforma digitale.

A tali due piani, che pur presentano specifici spunti di interesse, Mazzon ne aggiunge un altro, di gran lunga decisivo nell’osservazione del conclusivo esito sonoro del processo: quello percettivo. Improvvisato, decostruito, talora lasciato nella sua abrasiva consistenza di rumore sintetico, “CeriseIcicles” è un diario di venti minuti di tale processo, nel corso del quale immagini e frequenze vengono modulate attraverso una pluralità di filtri non lineari.

Eppure, al di là di saltuari apici distorsivi, il risultato possiede un proprio contenuto narrativo, quello di tessere frutto di una decostruzione e nuovamente giustapposte a formare qualcosa di inedito e impressionante nel suo impatto e nella sua naturale imponenza.

http://skritha.wordpress.com/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15 novembre 2014 da in recensioni 2014 con tag , , , , , , , .
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: