music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

itasca_unmoored_by_the_windITASCA – Unmoored By The Wind
(Marmara / New Images, 2014)

C’è una sottile linea che congiunge il semplice linguaggio folk alle più ardite sperimentazioni drone-psych che ormai da qualche tempo trovano il loro supporto prediletto in cassette dalla precaria qualità sonora e dalla diffusione inevitabilmente limitata. A quanti la hanno di recente attraversata nella direzione cantautorale si aggiunge a pieno titolo Kayla Cohen, al secondo album sotto l’alias Itasca dopo aver associato per alcuni anni la denominazione Sultan a una serie di manipolazioni drone in bassa fedeltà e di lunga durata.

Benché ancora legato a formati analogici – è pubblicato dalla cassette-label Marmara e su vinile dalla New Images di Matt Mondanile (Ducktails, Real Estate) – “Unmoored By The Wind” rappresenta una decisa transizione della Cohen a una dimensione di cantautrice folk. Si tratta di un folk visionario e “desertico” nella sua semplicità, palesemente erede di icone del folk al femminile quali Sibylle Baier e Linda Perhacs, ma dotato di un forte impronta personale, veicolata dalle pastose timbriche della Cohen, le cui interpretazioni sembrano davvero provenire da un diverso contesto artistico-temporale, e dalla capacità, mutuata dai suoi trascorsi artistici, di creare atmosfere polverose e arcane.

Oltre alla consistenza in qualche misura granulosa dell’ambiente nel quale risuonano i brani di “Unmoored By The Wind”, sono sufficienti pochi dettagli per modellare i suoi brani a immaginari che vanno dall’ascetismo del fingerpicking di “Walking In Hahamongna” alla psichedelia bucolica anni ’70 di “The Hermit’s View” e “Dream Of The Water Bearer”, fino alla consistenza onirica delle conclusive “Colt In Hiding” e “Glass”.

“Unmoored By The Wind” è tuttavia soprattutto un disco di canzoni, ammantate da un alone di magia antica e dagli aromi di spezie inebrianti ma pur sempre canzoni, tali da far emergere la forza interpretativa e la scrittura fuori dal tempo della Cohen. Ballate come “Alleyway”, “Congregation” e la sognante “Nature’s Gift” appaiono infatti nuovi frutti di linguaggi né nuovi né antichi, ma semplicemente radicati in una tradizione – comunicativa prima ancora che musicale – non passibile di collocazione temporale, nella quale si intrecciano storie personali, legami con la Madre Terra e misteriose visioni psichedeliche.

Tutto ciò è incarnato con naturalezza dalla voce calda e fortemente evocativa di Kayla Cohen, artista decisamente più legata al secondo termine della definizione rispetto alle sue “colleghe” drone-folk, che in “Unmoored By The Wind” ha dimostrato non solo la capacità di varcare in maniera credibile la linea tra sperimentazione e songwriting, ma di saper impiegare la prima per amplificare la forza del secondo in una magia in grado di ammaliare per far viaggiare con la mente.

http://itasca-music.blogspot.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 novembre 2014 da in recensioni 2014 con tag , , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: