music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

monty_adkins_borderlandsMONTY ADKINS – Borderlands
(Audiobulb, 2015)

Quasi trentotto minuti di vibrazioni delle corde del violoncello sotto l’archetto di William Mace rappresentano il punto di partenza e il contenuto essenziale dell’ultima creazione del sound artist inglese Monty Adkins, commissionatagli per un’installazione multimediale curata dallo IOU Theatre.

In bilico tra neoclassicismo e manipolazione elettronica, “Borderlands” è appunto un lungo viaggio sonoro lungo confini espressivi ormai sempre più labili. L’elemento saliente del lavoro, che consiste in una sequenza di sei pièce e altrettanti interludi, è l’alternanza tra persistenze e frammenti armonici (ne vengono presentati ben ventisei), plasmata in una materia sonora viva e in progressiva evoluzione.

Dai vapori ipnotici della prima parte alle melodie puntiformi sempre più spoglie da sovrastrutture della sua parte finale, quella di “Borderlands” è un’esperienza immersiva, che trascende gli schemi del virtuosismo neoclassico per dischiudere un nuovo orizzonte, nel quale un meditativo paesaggismo ambientale è costruito quasi integralmente sulle potenzialità di uno strumento acustico, senza espungerne e anzi esaltandone gli essenziali spunti armonici.

https://montyadkins.wordpress.com/

Advertisements

Un commento su “

  1. Pingback: New Borderlands review | monty adkins

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21 febbraio 2015 da in recensioni 2015 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: