music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

kaitlyn_aurelia_smith_earsKAITLYN AURELIA SMITH – Ears
(Western Vinyl, 2016)

Il naturalismo analogico di Kaitlyn Aurelia Smith si arricchisce, nel suo secondo album ufficiale, di una serie di un ventaglio suggestioni che amplificano i già cosmici orizzonti delle oscillazioni del suo vecchio Buchla.

A differenza dei brevi frammenti del precedente “Euclid”, le otto tracce del nuovo “Ears” presentano strutture incrementali, che su allucinate screziature sintetiche (“First Flight”, “When I Try, I’m Full”) innestano intarsi di un modernariato tropicaleggiante (“Wetlands”, “Stratus”), veicolato da frequenti modulazioni vocali. È quest’ultimo l’elemento di novità caratterizzante “Ears”, sotto forma di schegge armoniche plasmate alla stessa stregua degli impulsi sintetici e come tali funzionali alla creazione di piccoli universi distopici (“Envelop”, “Rare Things Grow”), che nella tremula sinfonia di undici minuti “Existence In The Unfurling” trovano esito prima sognante e poi visionario.

“Ears” appare una rappresentazione credibile dell’arte della Smith, adesso più che in passato capace di palesare un contenuto umano, ma sempre proiettata alla ricerca di frequenze dallo spazio infinito, utilizzando valvole rudimentali.

http://www.kaitlynaureliasmith.com/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 aprile 2016 da in recensioni 2016 con tag , , , , , , , , .
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: