music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

MIST – Underwater
(Self Released, 2017)

Quindici anni sono un periodo più che sufficiente perché un artista rivolga lo sguardo indietro, all’attività che la visto protagonista in tale lasso temporale, nel quale ha attraversato mutamenti personali e creativi, spesso lasciandosi dietro un patrimonio più o meno disordinato di canzoni. Per Rick Treffers è giunto appunto il momento di mettere ordine nella mole di inediti, b-side e registrazioni dal vivo che non avevano finora trovato collocazione nei suoi dischi a nome Mist.

Ecco dunque la corposa raccolta di ben diciannove brani “Underwater” (titolo che si ricollega a un verso di una delle prime canzoni di Mist), che dell’artista olandese ma ormai da anni trapiantato in Spagna offre uno spaccato inevitabilmente più articolato di quello messo in mostra dal suo ultimo album, il delizioso “The Loop Of Love” (2015). Si tratta del resto di brani provenienti da diversi momenti della produzione di Treffers e dunque estremamente eterogenei dal punto di vista stilistico. Non mancano, com’è ovvio, lievi saggi della scrittura pop matura apprezzata nel disco di due anni fa (“Dark Side” su tutte), ma accanto a questi riaffiorano spunti più brillanti e decisi, popolati anche da pulsazioni giocose (“Christmas Day”, “The Bell That Couldn’t Jingle”), che comunque non depotenziano il comune denominatore del lirismo di scrittura e di interpretazione di Treffers, palese fin dalle prime note dell’iniziale “The Art Of Letting Go” e capace di manifestarsi in una raffinata ballata pianistica (“The Sun Ain’t Gonna Shine Anymore”).

Tra le chicche fatte riaffiorare in “Underwater”, meritano una menzione in particolare il sorprendente remix di “Weightless”, curato in chiave ambientale da Machinefabriek, e il duetto con Alondra Bentley in “Fade In Fade Out”, un incontro tra due delicati mondi espressivi che pennella una incantata miniatura folk-pop. Nessuna scontata retorica autocelebrativa si ritrova dunque nell’agile raccolta compilata da Rick Treffers, che anzi proprio nel lungo orizzonte temporale continua a dimostrarsi abile e raffinato artigiano delle canzoni.

http://www.ricktreffers.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 maggio 2017 da in recensioni 2017 con tag , , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: