music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

MEDARD FISCHER – Lucky You
(Hidden Shoal, 2018)

Quando sembra che nella creazione di musica ambientale sia il processo a prendere il sopravvento, ci si imbatte in un album come “Lucky You”, il primo pubblicato a proprio nome da Medard Fischer (Arc Lab). È vero che, reduce da una difficile transizione personale, l’artista australiano abbia inteso impiegare modalità generative per la creazione delle otto tracce che formano l’album, ma è vero anche che quella modalità è stata da lui prima innescata e dunque modellata come in un vero e proprio puzzle sonoro.

Controllando accuratamente la deliberata accidentalità di base dell’output del processo attraverso una rudimentale strumentazione elettronica, Fischer ne ha amplificato le risonanze in loop e stratificazioni che spaziano da retaggi spettrali a decompressioni di soffice contemplazione, in una declinazione evocativa e tutt’altro che cerebrale della ricerca di sequenze ambientali che si rinnovano senza soluzione di continuità.

http://www.medardfischer.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11 agosto 2018 da in recensioni 2018 con tag , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: