music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

LESS BELLS – Solifuge
(Kranky, 2018)

Ancora una volta torna a manifestarsi lo stretto legame tra sperimentazione sonora e paesaggio: a sottolinearlo è la stessa Julie Carpenter, che presentando il debutto del suo progetto Less Bells ne allega l’ispirazione e finanche le caratteristiche timbriche ai desolati scenari e alle repentine variazioni climatiche degli altopiani desertici californiani. Altrettanto suggestive e impetuose sono le otto tracce di “Solifuge”, lavoro incardinato su un duplice binario elettro-acustico, costituito da un lato da espanse vibrazioni di violoncello e violino e dall’altro da una serie di impulsi di organi e synth modulari.

Dalla combinazione delle due categorie di elementi, Julie Carpenter ricava sconfinati orizzonti di un’ambience orchestrale i cui spiccati tratti cinematici si collocano in un alveo espressivo tutt’altro che scontato. Non solo, infatti, strumentazione acustica e sintetica si incontrano sotto forma di filtraggi o modulazioni di note, bensì i rispettivi piani sonori seguono intersezioni ambiziose, con melodie di archi traslitterate in flussi di synth e partiture di evidente matrice classica, avvitate in prolungati loop ambientali. Allo stesso modo, il registro dei brani spazia tra romanticismo e ascetiche visioni desertiche, regalando tanto rigogliosi florilegi armonici (“Forest Ghosts”, “Bombardment”), a tratti amplificati anche da vocalizzi eterei (“Desert”), quanto stratificazioni di frequenze astratte che si innalzano in solenni risonanze (“Valentine”, “Milwaukee Protocol”).

Data anche la comunanza di etichetta, viene spontaneo associare “Solifuge” al debutto dello scorso anno di High Plains, nonostante siano frutto dell’applicazione di un affine processo di ispirazione e luoghi e contesti molto diversi. Affine è soprattutto la forza emozionale di paesaggi non meramente descritti attraverso il suono ma in grado di farsi essi stessi materia di un’ambience orchestrale che in Julie Carpenter può già dirsi di aver trovato una nuova, sensibile interprete.

https://www.facebook.com/LessBells/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 16 settembre 2018 da in recensioni 2018 con tag , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: