music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

MARIA W HORN – Epistasis
(Hallow Ground, 2019)

Una complessità di approcci alla composizione e all’esecuzione si incontra nei quattro movimenti di “Epistasis”, due dei quali (intitolati entrambi “Interlocked Cycles”) originariamente destinati a una piéce di luci e suoni realizzata per l’Accademia svedese nel 2018. All’aspetto multimediale, gli altri due brani associano le ulteriori interrelazioni derivanti dal dialogo contemporaneo tra due quartetti d’archi e, in generale, da quello tra melodia e dissonanze.

Accostando moderne tecniche elettroniche e di manipolazione chitarristica a un ensemble dalla formazione classica, l’artista svedese realizza tra linguaggi sonori e dimensioni percettive un’ambiziosa connessione.

(pubblicato su Rockerilla n. 473, gennaio 2020)

http://mariahorn.se/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: