JAMES YORKSTON AND THE SECOND HAND ORCHESTRA The Wide, Wide River (Domino, 2021)* Non è certo inedita la propensione di James Yorkston alla collaborazione con altri musicisti, originariamente con la band dei fidati Athletes, nella parentesi con i Big Eyes Family Players e poi anche nel suo percorso “solista”. Da qualche tempo, il prolifico songwriter…

YORKSTON/THORNE/KHAN – Navarasa: Nine Emotions (Domino, 2020) Al terzo album in quattro anni, l’ardito sodalizio tra James Yorkston, Jon Thorne e Suhail Yusuf Khan ha di gran lunga travalicato i confini dell’estemporaneità. L’apertura dei tre artisti verso linguaggi musicali diversi costituisce la base indispensabile per un viaggio nella spontaneità delle emozioni, rappresentate attraverso variegate intersezioni…

rearview mirror: 2019

Una serie di eventi personali che hanno ridotto la serie recente delle pubblicazioni del sito – preludendo a una sua significativa riconsiderazione a partire dalle prossime settimane – hanno finora impedito la pubblicazione del consueto appuntamento di inizio anno, dedicato ai dischi di quello appena concluso. Dato l’ulteriore ritardo accumulato, risparmio le ormai consuete considerazioni…

JAMES YORKSTON – The Route To The Harmonium (Domino, 2019)* Quasi cinque anni, due album del singolare terzetto etno-jazz con Jon Thorne e Suhail Yusuf Khan e un debutto da romanziere separano il nono album di James Yorkston dal suo predecessore. La personale “ricerca della pace” (della quale il titolo “The Route To The Harmonium” va…

[video of the week] James Yorkston – My Mouth Ain’t No Bible

[https://www.youtube.com/watch?v=MfTyaBxYwUw https://www.youtube.com/watch?v=MfTyaBxYwUw%5D James Yorkston will release his new album “The Route to the Harmonium” on Feb 22nd 2019; produced by Yorkston and David Wrench, it is James’ first solo record since 2014’s “Cellardyke Recording and Wassailing Society” and follows the two collaborative albums he made as one third of Yorkston/Thorne/Khan as well as the release…

YORKSTON/THORNE/KHAN – Neuk Wight Delhi All-Stars (Domino, 2017) Non è stata un’esperienza isolata quella scaturita dall’incontro tra James Yorkston, Jon Thorne e Suhail Yusuf Khan e dapprima tradottasi in “Everything Sacred”. Poco più di un anno dopo, il songwriter scozzese, il contrabbassista jazz inglese e l’indiano suonatore di sarangi presentano infatti una nuova commistione di suoni,…

YORKSTON/THORNE/KHAN – Everything Sacred (Domino, 2016) Ormai da tempo James Yorkston dimostra di non essere soltanto un cantautore folk sensibili e meritatamente apprezzato, ma anche un artista interessato a esplorare mondi espressivi diversi da quello di primaria appartenenza. Basti pensare, da ultimo, alla produzione da parte di Alexis Taylor degli Hot Chip e alla collaborazione…

rearview mirror: 2014

All’alba di un nuovo anno, si è ormai compiuto praticamente dappertutto lo stanco rituale delle classifiche riguardanti quello appena concluso. Nel 2014 come forse non mai, il rituale è iniziato presto, già nel mese di novembre per le riviste cartacee in uscita a dicembre e fin dalle prime settimane dell’ultimo mese dell’anno per numerosi siti…

JAMES YORKSTON – The Cellardyke Recording And Wassailing Society (Domino, 2014)* La vita e l’attività artistica di un cantautore sembrano non riservare sorprese; ancor più se il cantautore in questione è un tranquillo signore scozzese, che è facile immaginare buttar giù qualche verso o una melodia mentre contempla le ugge marine del Fyfe, magari assaporando…

ADRIAN CROWLEY & JAMES YORKSTON – My Yoke Is Heavy (Chemikal Underground, 2013) Sulle due sponde del Canale di San Giorgio, Adrian Crowley e James Yorkston si sono costruiti negli anni dei profili cantautorali ben caratterizzati, in equilibrio tra le rispettive tradizioni folk irlandese e scozzese e delicate sensibilità contemporanee, intrise di profondo lirismo e di…

rearview mirror: 2012

Già esercizio sterile o, comunque, vissuto sempre con un misto di distacco e sportiva giocosità, quello delle “fatidiche” classifiche di fine anno continua progressivamente ad assumere un valore del tutto residuale nell’attuale universo discografico, popolato da centinaia e centinaia di uscite frammentate al mese (o forse alla settimana), e anche nel mondo di chi prova…

THE BIG EYES FAMILY PLAYERS & FRIENDS – Folk Songs II (Static Caravan, 2012) Nel 2009 i Big Eyes Family Players di James Green incontravano James Yorkston nella rivisitazione di una serie di brani della tradizione britannica. A distanza di tre anni, il secondo episodio di “Folk Songs” rispolverate secondo sensibilità contemporanee trae le mosse…

storie d’artista: JAMES YORKSTON

Le raffinate ballate di un “giovane marinaio” folk In principio era il Fence Collective, un ampio cenacolo artistico nato sulla costa orientale scozzese, che nella seconda metà degli anni Novanta raggruppava musicisti della zona, che distribuivano le proprie creazioni su cd-r. Da lì, alcuni componenti del collettivo cominciano pian piano a emergere dai villaggi marinari…

JAMES YORKSTON – I Was A Cat From A Book (Domino, 2012) Succede quasi sempre così con James Yorkston, e la crescente schiera dei suoi fedeli appassionati ormai lo sa bene: ogni suo nuovo disco parte quasi in sordina, ma finisce per farsi apprezzare per tante piccole sfumature. Non è certamente musica per ascolti superficiali…

JAMES YORKSTON AND THE ATHLETES – Moving Up Country (10th Anniversary Edition) (Domino, 2012) Primo artista a ritagliarsi un proprio autonomo spazio tra quelli dell’ampio cenacolo folk del Fence Collective, James Yorkston pubblicava il suo debutto sulla lunga distanza nel 2002, assistito da una band di cinque musicisti e da qualche collaboratore estemporaneo come King Creosote….