ISAN – Glass Bird Movement (Morr Music, 2016) Come le buone abitudini, l’abilità condivisa di intagliare miniature analogiche non si dimentica mai del tutto; lo sanno bene Antony Ryan e Robin Saville, che celebrano il ventennale di ISAN con un nuovo album insieme dopo sei anni. Assemblato a partire da registrazioni separatamente condotte nei loro studi…

SIN FANG – Spaceland (Morr Music, 2016) Se nel quarto disco solista di Sindri Már Sigfússon qualcuno pensasse di trovare ancora tracce del brillante folk orchestrale del collettivo Seabear, o anche del pop indietronico delle origini del suo progetto personale Sin Fang, sbaglierebbe di gran lunga indirizzo. Come si intuiva già dal precedente “Flowers” (2013),…

PASCAL PINON – Sundur (Morr Music, 2016) Come può cambiare la vita di due giovanissime musiciste, nel volgere di pochi anni: le gemelle Jófríður e Ásthildur Ákadóttir avevano debuttato ancora nel pieno dell’adolescenza su un’etichetta prestigiosa quale Morr Music con un disco di folktronica casalinga giocosa, frizzante e delicatamente ingenuo. Da quella prima testimonianza del…

SLOW STEVE – Adventures (Morr Music, 2016) Anticipato di meno di un anno dall’EP “Steps“, il debutto sulla lunga distanza di Slow Steve rivela innanzitutto l’identità del musicista che si cela dietro tale alias: si tratta di Rémi Letournelle, già presente in un paio di lavori dei tedeschi Fenster. Mentre l’uscita più breve spingeva sul ritmo…

MASHA QRELLA – Keys (Morr Music, 2016) Ne è passato di tempo dagli esordi elettronici di Masha Qrella in band quali Contriva e Mina, così come dagli albori della scena berlinese di inizio secolo, ancora viva e pulsante come non mai, seppure sotto vesti mutate. Quelle della Qrella si sono rinnovate all’insegna di una timida scrittura…

MIKAEL LIND – Intentions And Variations (Morr Music, 2016) Ormai da tempo stabilitosi in quel periferico centro gravitazionale della più ricercata ispirazione artistica che è diventata Reykjavík, Mikael Lind compie in “Intentions And Variations” un ulteriore passo verso la rappresentazione di rarefatti paesaggi nordici, già riassunti sotto forma delle sognanti cartoline sonore del precedente “Unsettled…

BENOÎT PIOULARD – Noyaux E.P. (Morr Music, 2015) È sempre più decisa la transizione ambientale di Thomas Meluch. Le quattro tracce di “Noyaux” rappresentano per l’artista di Portland un’ideale appendice del recente album “Sonnet“. Si tratta di due brani lunghi e due più brevi, nei quali Meluch condensa un ventaglio di loop modulati su frequenze di…

SÓLEY – Don’t Ever Listen E.P. (Morr Music, 2015) Cinque demo acustici registrati a margine del recente album “Ask The Deep” formano il nuovo Ep di Sóley Stefánsdóttir, che in “Don’t Ever Listen” si presenta in scarne vesti casalinghe. Sparuti accordi acustici e note pianistiche risuonano in intime atmosfere lo-fi nelle quali l’artista islandese dispiega armonie…

MS. JOHN SODA – Loom (Morr Music, 2015)* Ritrovare il nome Ms. John Soda su un disco riporta allo straordinario fervore indie-tronico tedesco d’inizio secolo. I tempi sono mutati, le tessere sonore continuamente ricombinate, eppure di tanto in tanto i protagonisti di quella stagione tornano a rispolverare alchimie mai dimenticate. Allora ecco Micha Acher e Stefanie…

FENSTER – Emocean (Morr Music, 2015) Mentre i Fenster stavano lavorando in studio al loro terzo disco sono stati proiettati in una dimensione aliena, di surreale deprivazione sensoriale. Non si tratta di un’allucinazione derivante dall’ascolto di “Emocean”, bensì della sua premessa ispiratrice, allegata a una breve pellicola sci-fi prodotta dalla band per completare l’orizzonte concettuale del…

SLOW STEVE – Steps E.P. (Morr Music, 2015) L’infinito ritorno dell’uguale sintetico annovera un nuovo adepto tra le fila Morr Music: è il berlinese Slow Steve che, a dispetto dell’alias, corre veloce nel suo corposo Ep di debutto “Steps”. Prodotte da Tadklimp (Fenster), le sei tracce dell’Ep condensano in poco più di venti minuti una sfaccettata…

SÓLEY – Ask The Deep (Morr Music, 2015) Quattro anni, una maternità e un breve Ep pianistico (“Krómantík“, 2014) separano il debutto solista “We Sink” dalla seconda prova su album di Sóley Stefánsdóttir, che nel frattempo ha amplificato la propria popolarità anche attraverso un’estetica esistenzialista e caratterizzata. L’artista islandese è tuttavia ben altro che sola apparenza,…

ALOA INPUT – Mars etc. (Morr Music, 2015) Il coloratissimo patchwork psych-avant-pop del debutto “Anysome” (2013) viene ulteriormente amplificato dagli Aloa Input nelle undici sgargianti tracce del nuovo “Mars etc.”. Sulla scia dell’Ep di remix pubblicato lo scorso anno, ancor più ricca e vivace si fa la componente elettronica della tavolozza del terzetto bavarese, che ne…

THE DODOS – Individ (Polyvinyl / Morr Music) Reduci dalle riflessioni escapiste di “Carrier” (2014), per il loro sesto album Logan Kroeber e Meric Long si gettano nel cuore di un tornado, abbandonandosi all’impeto delle forze della natura, tanto nei tempi quanto nel suono. Benché tra i dieci brani di Individ non manchino echi di una…

ÓBÓ – Innhverfi (Morr Music, 2014) In qualità di tastierista e percussionista, Ólafur Björn Ólafsson ha maturato una lunga esperienza accanto a praticamente tutti i più importanti artisti islandesi (dai Sigur Rós a Benni Hemm Hemm, dai Múm a Valgeir Sigurðsson). Adesso è giunto anche per lui il momento di intraprendere un’attività solista che, sotto…

FUTURE 3 – With And Without (Morr Music, 2014) Nei lunghi anni trascorsi dal loro terzo album come Future 3 (“Like…”, 2001), Anders Remmer, Jesper Skaaning e Thomas Knak hanno rivestito ruoli diversi nel parallelo sviluppo delle rispettive visioni elettroniche. Adesso i tre danesi tornano a lavorare insieme, sul duplice piano del suono e della melodia….

SÓLEY – Krómantík (Morr Music, 2014) “Krómantík” non è il secondo album di Sóley Stefánsdóttir (al debutto con “We Sink” nel 2011 dopo aver fatto parte del collettivo Seabear), bensì una raccolta di materiale per pianoforte composto dalla polistrumentista islandese con finalità eterogenee. Nelle otto brevi pièce Sóley rinuncia a qualsiasi sovrastruttura produttiva e di fatto…

ORCAS – Yearling (Morr, 2014) Se la prima collaborazione tra Thomas Meluch (Benoît Pioulard) e Rafael Anton Irisarri poteva apparire il frutto estemporaneo improvvisato dell’incontro di due artisti che avevano deciso di coniugare le rispettive sperimentazioni nel campo del cantautorato folk-tronico e dell’elettro-acustica ambientale, la stessa pubblicazione di “Yearling” rappresenta già un significativo indice di…

FENSTER – The Pink Caves (Morr, 2014) Nei due anni trascorsi dall’esordio “Bones“, il quartetto capitanato da Jonathan Jarzyna e JJ Weihl ha affinato, sfrondandola, l’originaria disorientante miscela tra indie-tronica e canzoniere elettrico lo-fi. Nei dodici brani di “The Pink Caves” tutto è più omogeneo, pacato ed essenziale, come avvolto in un’aura dolcemente trasognata, nella…