music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

WES WILLENBRING – Weapons Reference Manual
(Hidden Shoal, 2012)

Giunto al terzo disco, Wes Willenbring si discosta ulteriormente dalla romantica miscela tra dilatati drone e inserti pianistici che lo aveva rivelato nell’esordio “Somewhere Someone Else” (2007).

In “Weapons Reference Manual” le dense sonorità delineate nel precedente “Close, But Not Too Close” (2009) si fanno ancor più austere, offrendo risalto a profondità ambientali e propulsioni rumoriste, appena temperate da delicati arpeggi acustici.
Il pianoforte si riaffaccia solo nel breve cammeo finale “Ashes”, mentre i quindici minuti (oltre un terzo della durata dell’intero lavoro) dell’epica “Quaaludes” rendono tangibili le distorsioni ipnotiche che costituiscono la nuova cifra stilistica del compositore californiano.

(pubblicato su Rockerilla n. 381, maggio 2012)


http://weswillenbring.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 5 giugno 2012 da in recensioni 2012 con tag , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: