music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

hallock_hill_kosloff_mansionHALLOCK HILL – Kosloff Mansion
(Hundred Acre, 2014)

Non di solo fingerpicking vive Hallock Hill, alter-ego creativo di Tom Lecky; in “Kosloff Mansion” il chitarrista newyorkese depone il suo strumento d’elezione in favore del pianoforte e di un’ambience nella quale le sospensioni sono protagoniste tanto quanto le note.

Queste ultime paiono adagiate su un pulviscolo quasi impercettibile, amplificato dalla collaborazione e coproduzione di Tim Noble (The Lowland Hundred).

Come trine inorganiche, le miniature di Lecky adornano frammenti dalla durata media di tre minuti, troppo pochi perché la sua ridotta confidenza con lo strumento possa disegnare melodie compiute, ma più che sufficienti per confezionare una sequenza di istantanee atmosferiche in penombra.

(pubblicato su Rockerilla n. 406, giugno 2014)


http://hallockhill.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 20 luglio 2014 da in recensioni 2014 con tag , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: