music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

bamboo_stilts_beneath_the_barkBAMBOO STILTS – Beneath The Bark
(Eilean, 2015)

Due figure artistiche a loro modo enigmatiche si incontrano sotto la nuova denominazione di Bamboo Stilts: si tratta di Orla Wren e Leigh Toro, che coronano i paralleli percorsi di sperimentazione elettro-acustica in una collaborazione intrapresa già da qualche anno e via via affinata attraverso scambi di materiale individualmente registrato, sintetizzato nei dieci mondi sonori possibili racchiusi in “Beneath The Bark”.

Ciascuna delle tracce del lavoro rappresenta infatti una sorta di universo a sé stante, distillato dalla collisione, dalla sintesi e dall’intersezione di svariate decine di fonti acustiche, analogiche, elettroniche e concrete. Dalla dimensione acusmatica a surreali visioni cosmiche, il lavoro è tutto un aleggiare di strati sonori liquidi e volutamente indefiniti, dalla cui combinazione prende forma una lega straniante, refrattaria a ogni tentativo di identificazione univoca.

Pur suggerendo a tratti una natura di “libreria musicale”, l’incredibile catalogo di “Beneath The Bark” si svolge con lenta naturalezza in ciascun brano, dischiudendo gemme di fragile bellezza, ricamate di volta in volta da irregolari accenti ritmici (“Saturn Shores”) e liquidi frammenti analogici (“Dark” e la title track) ovvero sovrastate da pronunciate saturazioni droniche (“Bow Guitar”) ed effetti analogici spettrali (“Piano Neglect”).

Il fulcro del lavoro si svela tuttavia nelle esili trame di flauto, chitarra acustica, pianoforte e violoncello, che ripetutamente si stagliano sulla brulicante materia organica sottostante, fino a instaurare dialoghi estatici tra minute linee armoniche ed eccentriche parabole di una granulosa densità sonora (“Seachest”, “Porthole”). L’incontro, il dialogo e l’osmosi tra i suoni rappresentano infatti l’essenza di “Beneath The Bark”, al pari di quelli che uniscono le durature esperienze e le concezioni artistiche di Orla Wren e Leigh Toro, due esploratori solitari che si sono ritrovati non per caso a segnare un punto comune dei rispettivi percorsi ellittici alla ricerca di una dimensione elettro-acustica aliena.

http://orlawren.eu/
https://soundcloud.com/leigh-toro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: