music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

sodastream_little_by_littleSODASTREAM – Little By Little
(Self Released, 2017)*

Dove eravamo rimasti, cari Pete Cohen e Karl Smith? Ci eravamo lasciati poco più di dieci anni fa, sotto un diluvio estivo che si confondeva con le lacrime per un distacco a stento trattenute; ci eravamo lasciati all’annuncio improvviso che la storia dei vostri Sodastream sarebbe finita lì, poco dopo “Reservations” (2006), perché troppo difficile era diventato pensare di vivere da musicista, spostandosi ogni volta dall’Australia nei ritagli di tempo concessi dall’ordinarietà del lavoro e della vita quotidiana.

Altrettanto improvviso è, adesso, il ritrovarsi nella presenza attuale quella stessa formula magica fino a poco tempo fa soltanto oggetto di ricordi piacevolmente nostalgici, appena temperati dalle comparse di Karl Smith in Lee Memorial (2009) e nel suo album solista “Kites” (2013). Ed è appunto come un ritrovarsi tra vecchi amici, che per riprendere confidenza dopo anni di lontananza non hanno bisogno di un tempo più lungo dei quattro minuti di “Three Sins”, brano comparso quasi a sorpresa lo scorso autunno in anticipazione di quello che oggi è “Little By Little”, quinto album del duo australiano.

Quella sensazione di confidenza ritrovata viaggia di pari passo con il desiderio di raccontare le storie vissute durante il periodo di lontananza: storie che contribuiscono a spiegarlo senza ricorrere a troppe metafore, storie che parlano di ferite e abbandoni, di relazioni umane, della perdita di un lavoro e di quel desiderio di fuga che nessun mezzo meglio della musica è in grado di veicolare. Ciononostante, il mood di “Little By Little” è tutt’altro che dimesso, se non tutt’al più impregnato di quell’agrodolce malinconia che ha sempre costituito la cifra stilistica dei Sodastream; anzi, soprattutto la sua prima parte è un’equilibrata miscela tra il romanticismo veicolato dal caratteristico contrabbasso di Cohen e la scrittura briosa di Smith, supportata a tratti da dinamiche mai così pronunciate.

Agli avvolgenti rilanci armonici delle iniziali “Colouring Iris” e “Habits” seguono infatti i brillanti uptempo di “Three Sins” e “The Letting Go”, la cui sezione di fiati sembra voler far accedere il duo australiano a una dimensione di ricca coralità chamber-folk. Benché il lato più vivace di Smith e Cohen non manchi di tornare a manifestarsi in canzoni dal trascinante gusto pop quali “Moving” e la stessa “Tyre Iron”, pur introdotta da un sommesso e prolungato dialogo strumentale, l’endemica nostalgia e il romanticismo che avevano fatto innamorare dei dischi del primo segmento della carriera dei Sodastream trovano nuovi deliziosi suggelli in passaggi quali in particolare la toccante ballata “Grey Waves” e il compunto finale “Saturday’s Ash”, sofficemente ondeggiante sulle frequenze della musical saw.

Come se dieci e più anni fossero trascorsi in poco più di un attimo, ”Little By Little” riprende un discorso artistico interrotto troppo presto e bruscamente; lo fa raccogliendo, filtrati dal tempo e dalle esperienze attraversate, tutti i caratteri distintivi di Pete Cohen e Karl Smith, a cominciare dalla semplicità e dalla schiettezza nel raccontarsi in maniera empatica attraverso canzoni pop, rifinite con magistrale leggerezza e con un tocco sensibile, che è un autentico piacere ritrovare.

*disco della settimana dal 13 al 19 febbraio 2017

http://www.sodastream.net.au/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 febbraio 2017 da in recensioni 2017 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: