music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

JAMES MURRAY – Heavenly Waters
(Slowcraft, 2017)

Benché James Murray sia artista abituato a pubblicazioni copiose (già tre album negli ultimi dodici mesi), “Heavenly Waters” si differenzia dai suoi lavori più recenti tanto per genesi quanto per contenuto. Innanzitutto, la sua elaborazione ha attraversato praticamente tutto l’arco dell’attività dell’artista inglese, dispiegandosi lungo un intero decennio, nel corso del quale i brani che ora lo compongono sono stati oggetto di progressive stratificazioni di suoni e suggestioni, tutte comunque accomunate da un approccio al tempo stesso visionario e meditativo.

È un’ambience liquida e pulsante di minute frequenze a caratterizzare l’ora di durata di “Heavenly Waters”, costellata da modulazioni silenti e occasionali increspature, sotto forma di detriti cosmici e di saturazioni sintetiche che la rendono densa e misteriosa. Il lungo viaggio sonoro, guidato con estrema perizia da Murray, conduce dunque verso una dimensione aliena in bilico, tra abbandono sensoriale e sottile tensione, la medesima appunto risultante dall’esplorazione di infiniti spazi fisici e mentali.

http://www.jamesmurray.info/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 ottobre 2017 da in recensioni 2017 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: