music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

TIM LINGHAUS – Memory Sketches
(Schole / 1631 Recordings, 2018)

Già segnalatosi con l’EP “Vhoir” (2016) per il suo approccio non conformista al minimalismo neoclassico, il tedesco Tim Linghaus si conferma su più vasta scala nell’album di debutto “Memory Sketches”. Il lavoro consta di sedici brani per appena trentadue minuti, costruiti in gran parte intorno a un vecchio pianoforte, le cui note sono incapsulate in frequenze più o meno torbide, catturate da microfoni in bassa fedeltà, a rendere sgranati i contorni di ricordi distanti.

L’intimo diario sonoro di Linghaus è inoltre vergato da esili tratti sintetici e dal violoncello di Sebastian Selke (CEEYS), che ne esaltano la pronunciata nostalgia.

(pubblicato su Rockerilla n. 452, aprile 2018)

https://www.timlinghaus.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: