music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

ASHLAR – Distant Scenes
(Whitelabrecs, 2018)

Torna a manifestarsi dopo quattro anni di assenza il progetto condiviso da Wil Bolton e Phil Edwards, le cui due precedenti uscite, “St. James’ Gardens” (2014) e “Saturday Drones” (2012), si atteggiavano a ostentata estemporanea di ispirazione e realizzazione. Una dinamica creativa parzialmente diversa è invece alla base di “Distant Scenes”, avvenuta per la prima volta a distanza, dopo il trasferimento di Bolton da Liverpool a Londra, ma proprio per questo strutturata in maniera più organica e studiata.

Quella distanza, richiamata anche nel titolo dell’album, costituisce dunque elemento decisivo delle nove tracce che formano il lavoro, dalle quali non a caso promanano sensazioni spiccatamente nostalgiche, veicolate dalle note pianistiche di Bolton e dalle vibrazioni di corde acustiche di Edwards. Entrambi tali elementi sono lentamente stillati dagli strumenti dei due artisti, nonché variamente processati in modo da amplificarne le calde risonanze, interpolate dagli abituali field recordings, nell’occasione raccolti in maniera separata in varie parti del mondo.

Più che la rappresentazione sonora di tempi e luoghi individuati, come nei due lavori precedenti, “Distant Scenes” offre infatti quella di sentimenti universali, che si alimentano della lontananza fisica per trasformarsi nel tepore sommesso delle persistenze armoniche di un’ambience elettro-acustica placidamente palpitante.

http://wilbolton.co.uk/
http://www.facebook.com/pages/PJE/

Un commento su “

  1. Pingback: Ashlar – Distant Scenes | Wil Bolton

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: