music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

VARGKVINT – Hav
(Piano And Coffee, 2019)*

Già il suo debutto “Brus” (2017) aveva impressionato e sorpreso per la capacità di coniugare ambientazioni neoclassiche ed eteree interpretazioni vocali; attesa alla seconda prova sotto l’alias Vargkvint, Sofia Nystrand mantiene fede alle premesse di evocativo minimalismo suggerite da quel lavoro, articolandole tuttavia in una formula che, senza per questo smentirle, le proietta in una dimensione in cui atmosfere rarefatte, approccio cameristico e ariose ballate dagli arcani retaggi folk convivono in equilibrio quali minuti elementi di un ecosistema naturale.

Naturale è appunto lo scenario sul quale, anche dal punto di vista simbolico, si stagliano le sette tracce di “Hav”, come racconta nelle note di copertina la stessa Sofia, cresciuta in una città costiera svedese che del mare dunque ha respirato le atmosfere salmastre e introiettato la riflessiva estensione. Di tutto ciò è impregnato il lavoro, dalla copertina ai field recordings che ne costellano i brani, che a loro volta restituiscono una varietà di sensazioni mutevoli come una marea ora placida, ora inquieta e tempestosa, ideale specchio dell’animo sensibile dell’artista.

Benché principale veicolo espressivo di Sofia Nystrand resti il pianoforte, in “Hav” le sue note solennemente scandite sono completate non soltanto da un’ambience vaporosa, ma soprattutto da un piccolo ensemble elettro-acustico (glockenspiel, zither, synth), orchestrato con tocco sensibile dalla co-produzione di Jakob Lindhagen. Come ogni tragitto marino, “Hav” segue uno sviluppo estremamente mutevole, che muove dalla sognante grazia melodica di “Stormen Kommer I” e attraversa le ariose aperture romantiche della compiuta ballata “Drivved” e di “Fyr”, prima di imbattersi nei tempestosi flutti sintetici di “Dösjö” e nel tenebroso ritualismo folk dei cori maschili che compaiono in “Till Havs” e “Stormen Kommer II”.

Mentre l’approdo finale di “Håll Mig” torna a essere pacato, evidenziando l’incanto tutto nordico della voce e delle atmosfere di Sofia Nystrand, che in “Hav” convive con coesa eleganza con una tangibile inquietudine, nella stessa misura in cui i suoi brani suggellano un’eccelsa sintesi tra linguaggi neoclassici e popolari, tra canzoni e atmosfera.

*disco della settimana dall’8 al 14 aprile 2019

https://www.facebook.com/vargkvint/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: