ERIK K SKODVIN
Schächten
(Miasmah, 2022)

L’album che funge da colonna sonora al thriller di Thomas Roth costituisce l’ideale sintesi dei diversi profili della personalità artistica di Erik K Skodvin. Il doom acustico dei suoi lavori sotto l’alias Svarte Greiner e il minimalismo neoclassico di quelli a proprio nome si ritrovano combinati in una sequenza di ventiquattro pièce, la cui concisa durata alimenta un incalzante senso di inquietudine.

Prolungate vibrazioni di archi, risonanze pianistiche ridotte all’osso e tenebrose texture analogiche, amplificate a tratti dalla solennità percussiva di Andrea Belfi, sublimano in chiave a suo modo persino romantica ambientazioni di decadente tensione.

(pubblicato su Rockerilla n. 508, dicembre 2022)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.