#musictosave #001

Come anticipato nell’ormai abituale “rearview mirror”, la scarsità del tempo materiale per l’ascolto e per la scrittura, a fronte dell’enorme mole di musica in circolazione, impone una almeno parziale riconsiderazione delle modalità attraverso le quali i dischi vengono presentati su queste pagine. Dunque, alle recensioni tradizionali si affiancheranno d’ora in poi, con cadenza irregolare, brevi…

PORYA HATAMI | AARON MARTIN | ROBERTO ATTANASIO – Sallaw (Dronarivm, 2019) Tre artisti, tre continenti, tre sensibilità musicali si incontrano nelle quattro tracce di “Sallaw”, riassunte dalla comune tematica del passaggio del tempo, osservata sia dal punto di vista naturale che in relazione alle diverse estrazioni culturali dei protagonisti del lavoro. A tale concetto…

rearview mirror: 2018

Anche quest’anno, per la settima volta, è giunto il momento di tornare a guardarsi indietro, ai mesi trascorsi e alla musica che li ha popolati. Mentre il rumore di fondo delle tradizionali classifiche di fine anno non si è ancora diradato, mentre tutti sono concentrati nel non perdere il passo con le novità dell’annata che…

GAVIN MILLER (FEAT. AARON MARTIN) – Meander Scars (Lost Tribe Sound, 2018) Le otto tracce di “Meander Scars”, che insieme superano l’ora e un quarto di durata totale, costituiscono un esempio emblematico di come le esperienze più creative di composizione contemporanea non possano identificarsi con il mero impiego di strumenti o formule classiciste. Benché i brani…

AARON MARTIN – Touch Dissolves (IIKKI, 2018) A pochi mesi dallo splendido “A Room Now Empty“, Aaron Martin si è cimentato in un esperimento di sinestesia tra musica e immagini, insieme al fotografo turco Yusuf Sevinçli, riassunto in una pubblicazione congiunta, i cui due elementi costitutivi si prestano tuttavia a una fruizione individuale. La parte musicale…

FROM THE MOUTH OF THE SUN – Sleep Stations (Lost Tribe Sound, 2018) Durante lo scorso anno, Aaron Martin e Dag Rosenqvist si sono cimentati con una colonna sonora (“Menashe”) e hanno realizzato uno splendido affresco per orchestra e atmosfera sotto la comune sigla From The Mouth Of The Sun (“Hymn Binding”). Nell’interstizio tra i…

AARON MARTIN – A Room Now Empty (Preserved Sound, 2018)* Protagonista di innumerevoli collaborazioni con artisti sperimentali e da ultimo del duo From The Mouth Of The Sun con Dag Rosenqvist, Aaron Martin torna a un album interamente solista a quasi quattro anni da “Comet’s Coma” (2014). Il tempo costituisce appunto elemento ispiratore essenziale di…

AARON MARTIN & MACHINEFABRIEK – Seeker (Dronarivm, 2017) La recente pubblicazione di “Becoming” ha rinnovato il sodalizio artistico di Rutger Zuydervelt con Iván Pérez, invero originata nel 2012, quando il coreografo spagnolo lo contattò con lui per la realizzazione della parte musicale di una sua performance. Nel progetto Pérez coinvolse anche il violoncellista Aaron Martin,…

FROM THE MOUTH OF THE SUN – Hymn Binding (Lost Tribe Sound, 2017) Da una delle innumerevoli collaborazioni delle quali entrambi sono protagonisti, From The Mouth Of The Sun è diventato per Aaron Martin e Dag Rosenqvist luogo prediletto di intersezione tra le solenni armonie d’archi del primo e gli aspetti più orchestrali della personalità ambientale…

AARON MARTIN & DAG ROSENQVIST – Menashe (Wayfind, 2017) Mentre a breve sarà pubblicato il loro terzo lavoro sotto la denominazione di From The Mouth Of The Sun, Aaron Martin e Dag Rosenqvist rinnovano in altra forma il loro ormai stabile sodalizio, realizzando la colonna sonora del film di Joshua Z Weinstein “Menashe”. I due…

rearview mirror: 2016

Buone o cattive che possano reputarsi, alle abitudini è ben difficile rinunciare; per questo, nelle ultime settimane (in qualche caso persino prima della fine dello scorso novembre!) chi segue con attenzione la musica indipendente avrà avuto modo di leggere decine e decine di classifiche volte a ricostruire, raccogliendone il meglio, l’annata appena trascorsa. Per lo…

AARON MARTIN & LEONARDO ROSADO – In The Dead Of Night When Everything Is Asleep (Fluid Audio, 2016) Tra le tante collaborazioni che vedono per protagonista Aaron Martin, quella svoltasi a distanza con Leonardo Rosado presenta come poche altre le sembianze di un dialogo tra linguaggi artistici ricchissimi e pienamente complementari. La scintilla tra i…

FROM THE MOUTH OF THE SUN – Into The Well (Fluid Audio, 2015) Quello di “Woven Tide” (2012) non è stato il primo incontro tra Aaron Martin e Dag Rosenqvist, né tanto meno un’estemporanea unione di forze creative. From The Mouth Of The Sun mostrava infatti fin dall’inizio le caratteristiche di un progetto autonomo rispetto ai…

[streaming] From The Mouth Of The Sun – Into The Well

Track taken from the upcoming album “Into The Well”, released through Fluid Audio, October 2015. From The Mouth Of The Sun is Aaron Martin (cello, bass, roll up piano, voice, vinyl, singing bowls, banjo, lap steel) and Dag Rosenqvist (piano, pump organ, Fender Rhodes, various organs and synthesizers, acoustic and electric guitars, glockenspiel, voice and field recordings)….

VV.AA. – Dialog Tapes (Dauw / Eilean, 2015) Quante volte capita di pensare che lo sterminato universo delle sperimentazioni elettro-acustiche sia costellato soltanto da monadi creative tra loro non comunicanti? Certo, risponde a verità il dato per cui molte produzioni collocate in quell’ambito siano frutto di ispirazioni solitarie, così come spesso solitarie e facilmente individuabili…

JEREMY YOUNG & AARON MARTIN – A Pulse Passes From Hand To Hand (White Paddy Mountain, 2015) Il flusso dei quattro brani che segnano la prima collaborazione tra Jeremy Young (Sontag Shogun) e l’eclettico violoncellista e compositore Aaron Martin suggerisce con chiarezza fin dalle sue prime note la traduzione in suono del concetto di realtà…

rearview mirror: 2014

All’alba di un nuovo anno, si è ormai compiuto praticamente dappertutto lo stanco rituale delle classifiche riguardanti quello appena concluso. Nel 2014 come forse non mai, il rituale è iniziato presto, già nel mese di novembre per le riviste cartacee in uscita a dicembre e fin dalle prime settimane dell’ultimo mese dell’anno per numerosi siti…

BLACK VINES – Black Vines (Fluid Audio, 2014) I campi infuocati dalla luce del tramonto, le ombre allungate sul paesaggio desertico e il canto di arbusti selvaggi definiscono l’immaginario sottostante al progetto Black Vines, che vede per protagonisti Aaron Martin e Joseph Angelo. Radicato, anche dal punto di vista della realizzazione, nelle infinite distese aride…

AARON MARTIN – Comet’s Coma (Eilean, 2014) Se, in mezzo alla miriade di attività e collaborazioni, aveva impiegato ben quattro anni per tornare a pubblicare un album solista, nel volgere di appena sei mesi da “Chapel Floor” Aaron Martin dà alle stampe il suo secondo lavoro stagionale per i tipi di Eliean, etichetta francese il…