NITON – Tiresias (Pulver Und Asche, 2015) Non si è fermata alla prima omonima testimonianza di due anni fa la collaborazione tra Zeno Gabaglio (violoncello) Luca Martegani (Xelius, tastiere) ed Enrico Mangione (El Toxyque, strumentazione elettro-acustica e “concreta”). “Tiresias” costituisce l’imponente seguito di quell’esperienza, condensata in uno sfuggente caleidoscopio sonoro nel quale, secondo un approccio che…

RICHARD MOULT – Aonaran (Wild Silence, 2013) Le cinque tracce di “Aonaran” possono considerarsi premessa e corrispettivo di “Hexameron”, recente lavoro nel quale Richard Moult e David Colohan hanno rinnovato una lunga collaborazione che affonda le proprie radici nel collettivo United Bible Studies. A differenze delle misteriose suggestioni medievali tra sacro e profano di quel…

BLK w/BEAR – The Final Mapping Of New Constellations (Little Crackd Rabbit, 2013) “The Final Mapping Of New Constellations” è la curiosa risultante di un’ingente operazione manipolativa. Tutto è partito dalla partecipazione da parte dei Last Harbour a una serie di remix del precedente lavoro del progetto newyorkese BLK w/BEAR, sfociato nell’occasione in una rilettura talmente…

SIMON JAMES PHILLIPS – Chair (Room40, 2013) Il confronto del suono con gli spazi circostanti è costante materia di confronto per la maggior parte degli artisti che si cimentano con gli aspetti latamente ambientali della musica. Pochi, tuttavia, hanno declinato il tema in spazi concreti, estranei agli studi di registrazione, e attraverso l’impiego sostanzialmente esclusivo…

NITON – Niton (Pulver Und Asche, 2013) Niton non è un progetto collaborativo come tanti, bensì un dialogo in presa diretta tra tre espressioni analogiche sperimentali. L’oggettistica sonora di Enrico Mangione (El Toxyque) e le sculture elettro-acustiche di Luca Xelius Martegani, hanno accolto in occasione di una delle Drone Nights da loro ideate il violoncello di…

SYLVAIN CHAUVEAU – Kogetsudai (Brocoli, 2013) L’incessante ricerca di un grado espressivo prossimo allo zero da parte di Sylvain Chauveau negli ventiquattro minuti di “Kogetsudai” segna il secondo capitolo di un percorso di progressiva sottrazione di elementi intrapreso nel precedente lavoro solista “Singular Forms (Sometimes Repeated)” e in seguito sviluppato nella collaborazione con Stephan Mathieu…

AIRCHAMBER3 – Peripheral (Frattonove, 2013) Tre anni di improvvisazioni di Andrea Ferraris (chitarra, basso, laptop), Luca Serrapiglio (sax, clarinetto, synth, effetti) e Andrea Serrapiglio (violoncello, laptop, tastiere analogiche) hanno dato luogo a Peripheral. Realizzato con l’ulteriore collaborazione, tra gli altri, di Vincenzo Vasi e Luca Mauri, il lavoro è frutto di una graduale stratificazione di destrutturate…

MARSEN JULES TRIO – Présence Acousmatique (Oktaf, 2013) L’ensemble che vede il poliedrico Martin Juhls affiancato dai gemelli Anwar e Jan-Philipp Alam al pianoforte e al violino espande ulteriormente lo spettro delle sperimentazioni del poliedrico artista tedesco in un contesto in cui elettronica e strumentazione da camera si fondono in austere partiture dal piglio notturno…

MACHINEFABRIEK – Stroomtoon II (Herbal International, 2013) Il secondo capitolo delle esplorazioni del “suono dell’elettricità” da parte di Rutger Zuydervelt raccoglie una serie di improvvisazioni a base analogica realizzate successivamente al primo “Stroomtoon” e finora disponibili soltanto su alcuni 7” in edizione limitata. Adesso il prolifico sperimentatore olandese ha deciso di dare forma e diffusione…

ALEXANDR VATAGIN – Serza (Valeot, 2013) A margine della sua attività con i Tupolev e con i port-royal, Alexandr Vatagin continua un percorso personale improntato alla coniugazione di oblique declinazioni neoclassiche con texture analogiche (“Valeot”, 2006) o segmentazioni elettroniche (“Shards”, 2008). Con “Serza”, Vatagin offre un ulteriore profilo della sua sperimentazione, innestando sulla base di…

LUBOMYR MELNYK – Corollaries (Erased Tapes, 2013) Superati i sessant’anni e con all’attivo un’intera discografia incentrata sul concetto di continuous piano music, Lubomyr Melnyk varca la soglia della classica contemporanea formato-indie grazie all’incontro con Peter Broderick. Con l’ulteriore supporto di Nils Frahm e Martyn Heyne, “Corollaries” declina sotto una patina opalescente le fluide intersezioni delle note…

COLLEEN – The Weighing Of The Heart (Second Language, 2013) Annunciato in maniera invero piuttosto timida, “The Weighing Of The Heart” pare aver raggiunto l’apice delle aspettative tra tutte le uscite finora pubblicate in due anni e mezzo di attività dell’etichetta Second Language, ivi compreso l’ultimo disco dei “padroni di casa” Piano Magic. Si tratta…

ENNIO MAZZON – Xuan (Ripples/Nephogram, 2013) Tra gli sperimentatori italiani più visionari e apprezzati (soprattutto all’estero…), Ennio Mazzon è stato capace di ritagliare un autonomo spazio alla sua declinazione di musica “concreta” risultante dall’interazione di field recordings e suoni/rumori sintetici. Anche lungo i quarantadue minuti dell’unica traccia del suo ultimo lavoro, si può apprezzare l’interazione…

NADIA SIROTA – Baroque (Bedroom Community, 2013) Reduce da una lunga serie di collaborazioni, tanto in ambito neoclassico che indie, Nadia Sirota si cimenta per la seconda volta in un intero album di intricate filigrane (dis)armoniche, realizzate unicamente sulla sua viola. Scritte ciascuna insieme a musicisti amici, tra i quali Nico Muhly e Shara Worden, le…

JULIA KENT – Character (Leaf, 2013) Al terzo album da solista del violoncello, Julia Kent prosegue le esplorazioni intraprese con il debutto “Delay” (2007) e sviluppate in “Green And Grey” (2011), volte ad amplificare le potenzialità del suo strumento, elevato attraverso sfioramenti di corde, percussioni della cassa armonica, filtraggi e overdub, alla stregua di vera…

PHILIPPE LAMY – Slowfast (Dronarivm, 2012) “Slowfast”, debutto solista in formato fisico del francese Philippe Lamy, potrebbe essere un perfetto esempio dell’applicazione al suono di un impianto concettuale di base, operazione spesso ricorrente da parte di musicisti sperimentali. In coerenza con la desolazione desertica della copertina, il lavoro prosciuga letteralmente il contenuto di statiche saturazioni…

SAVARAN FEATURING BARBARA DE DOMINICIS – Strandline (Somehow Recordings, 2012) Dopo l’intensa collaborazione con Julia Kent in Parallel 41, le improvvisazioni vocali di Barbara De Dominicis continuano a costituire fonti d’ispirazione per paesaggi sonori di importanti artisti dediti a sperimentazioni a base elettronica. Stavolta l’artefice delle composizioni alle quali la performer napoletana presta la voce…

SAVARAN FEATURING BARBARA DE DOMINICIS – Strandline (Somehow Recordings, 2012) After an intense collaboration with Julia Kent in Parallel 41, the vocal improvisations of Barbara De Dominicis continue to build sources of inspiration for the aural panoramas of important artists devoted to experimentation with electronic music. This time, the author of these compositions, to which this…

OTTO A TOTLAND / ERIK K SKODVIN – Harmony From The Past (Sonic Pieces, 2012) Otto Totland ed Erik Skodvin si sono ritrovati lo scorso anno, dando nuova linfa al loro progetto Deaf Center, fino ad allora rimasto silente per lungo tempo dopo lo splendido debutto “Pale Ravine“. I percorsi dei due, nel frattempo proseguiti autonomamente,…