ARAB STRAP As Days Get Dark (Rock Action, 2021)* Allora non è stata veramente “The Last Romance”. Sedici anni dopo il sesto album (e destinato a essere l’ultimo) dei loro Arab Strap, Aidan Moffat e Malcolm Middleton si aggiungono ai tanti inquieti cantori della transizione al nuovo millennio che hanno ripreso discorsi interrotti dopo una…

VV.AA. Drifts & Flurries – A Second Language Collectanea (Second Language, 2021) Mentre tutta la musica scorre ormai (troppo) velocemente tra playlist dematerializzate, l’etichetta Second Language mantiene vivo il gusto delle compilation, non solo presentate nelle abituali, curate edizioni fisiche, ma anche contrassegnate da un comune denominatore tematico. Dopo la raccolta estiva “Avenue With Trees” (2020), è…

VV.AA. – Avenue With Trees – A Second Language cornucopia + Secondaries (Second Language, 2020) Nel pieno della stagione estiva, torna a manifestarsi l’estetica invero autunnale e nostalgica che impronta le produzioni dell’etichetta Second Language, del resto pienamente speculare all’indole del suo ideatore Glen Johnson. Riecheggiando i tempi in cui un’etichetta costituiva il fulcro di…

CÉDRIC PIN / GLEN JOHNSON – The Burning Skull (Second Language, 2018)* È tempo di necessaria ripartenza per Glen Johnson, un anno e mezzo dopo aver posto la parola fine all’esperienza personale e artistica di Piano Magic. Fedele alla propria indole nostalgica, la direzione intrapresa nella sua prima pubblicazione successiva a “Closure” lo porta, immancabilmente,…

CHRISTINE OWMAN – When On Fire (Glitterhouse, 2016) Una nuova combinazione tra sogno e tenebra, tra dolcezza e forza: è questa la formula del quinto disco di Christine Owman, nel quale la polistrumentista svedese amplifica i già peculiari caratteri della propria espressione, puntando come non mai su atmosfere e melodie suadenti. Tra i brani di “When…

[streaming] Aidan Baker w. Claire Brentnall – Delirious Things

“Delirious Things” is an exploration of Aidan Baker‘s interest in 80s-influenced cold-wave, shoegaze, and synth-pop from such recording artists as Factory Records’ Durutti Column, Joy Division, and Section 25 and 4AD’s Cocteau Twins and This Mortal Coil. Combining song-oriented tracks with abstract interludes, the primary instrument on “Delirious Things” is a 1980s Casio synthesizer, rather…

FEEL NO OTHER – Feel No Other (Silber, 2014) Quello riassunto in Feel No Other è uno stimolante esperimento di unione tra mondi espressivi diversi. Brian Lea McKenzie (Electric Bird Noise) e la cantante Claudia Gregory hanno incrociato i rispettivi percorsi di cinematico paesaggismo ambientale e tradizione narrativa cantautorale per la prima volta cinque anni…

CANDIE HANK – Demons (Shitkatapult, 2014) Vent’anni di attività intensa e sfaccettata, sotto una decina di diversi alias, hanno condotto il tedesco Patric Cremer a una nuova incarnazione, che riveste il suo approccio destrutturato di un’estetica analogico-sintetica costellata da beat, vibrazioni e impulsi liquidi. Sotto la denominazione Candie Hank, Cremer racchiude in “Demons” un nevrotico…

EOSTRE – They Were Made Of White Cloth (Soft Corridor / Alt. Vinyl, 2014) È sufficiente un semplice sguardo al retroterra artistico di Sébastien Schmit per comprendere come la sesta pubblicazione della Soft Corridor si discosti dalle evanescenze ambientali delle precedenti uscite dell’etichetta belga – la prima condivisa con Alt. Vinyl, che ne ha curato…

WASHED OUT – Paracosm (Sub Pop, 2013) Reduce dalle derive cosmiche del primo acclamato full-length “Within And Without” (2011), Ernest Greene si lancia nell’esplorazione di un universo parallelo, le cui strutture trascendono le tentazioni electro e le effimere etichette ipnagogiche, attribuite agli esordi del talentuoso trentenne della Georgia. “Paracosm” è innanzitutto distante anni luce dagli ormai…

NIGHTLANDS – Oak Island (Secretly Canadian, 2013) Nostalgie moderatamente psych e tastiere suonate in maniera casalinga costellano sempre più i sogni dell’universo indie. Sulla scia dei vari Wild Nothing e Twin Shadow, ecco Dave Hartley da Philadelphia, già bassista degli affini War On Drugs, cimentarsi nella seconda avventura solista a nome Nightlands. Dieci brevi visioni in…

DIIV – Oshin (Captured Tracks, 2012) DIIV (già Dive) è la creatura di Zachary Cole Smith, chitarrista dal vivo dei “colleghi” Beach Fossils. Il loro debutto si colloca in coerenza con le abituali sonorità Captured Tracks, alternando battiti sfumati, sfocature oscure e luminosi rilanci melodici. Impetuose cascate di feedback e tastiere liquide spostano di continuo i…