music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

SOPHIE HUTCHINGS – Night Sky
(Preservation, 2012)

Il debutto “Becalmed” (2010) aveva rivelato Sophie Hutchings quale interprete di un minimalismo pianistico dall’intenso contenuto emozionale.

Alla seconda prova, la polistrumentista australiana si dimostra non solo ispirata omologa di “colleghi” quali Dustin O’Halloran o Peter Broderick, ma sensibile artefice di trame melodiche che, pur sempre incentrate sul pianoforte, contemplano adesso anche organi, percussioni, arrangiamenti d’archi e impalpabili ambience vocali.

Senza disperdere la coinvolgente immediatezza dell’esordio, le austere contemplazioni di “Night Sky” dimostrano le accresciute capacità compositive di un’artista in grado di trasformare la semplicità neoclassica in seducenti chiaroscuri notturni.

(pubblicato su Rockerilla n. 386, ottobre 2012)


http://www.sophiehutchings.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 30 ottobre 2012 da in recensioni 2012 con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: