music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

ROBIN JACKSON – Dust Diaries
(Self Released, 2012)

Polistrumentista con alle spalle molteplici collaborazioni (da Gogol Bordello ai Decemberists), Robin Jackson è uno dei gioielli nascosti dell’inesauribile miniera indie-folk di Portland.

Il suo autoprodotto debutto solista è una cristallina raccolta di dieci canzoni da lui scritte e interpretate col supporto di una band di una decina d’elementi. Al suo sassofono e clarinetto si aggiungono così archi, percussioni, chitarre acustiche e pianoforte, a incorniciare un songwriting capace di spunti di lirismo nostalgico, ma anche di scatenate ballate pop, il tutto condito da una misurata impronta chamber-folk con tratti jazzy, che potrebbe far pensare al miglior Andrew Bird.

Scoperta consigliatissima.

(pubblicato su Rockerilla n. 385, settembre 2012)

http://robinjackson.net/

Annunci

2 commenti su “

  1. Pingback: rearwiew mirror: 2012 | music won't save you

  2. Pingback: rearview mirror: 2012 | music won't save you

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 21 novembre 2012 da in recensioni 2012 con tag , , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: