music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

chihei_hatakeyama_federico_durand_magical_imaginary_childCHIHEI HATAKEYAMA + FEDERICO DURAND – Magical Imaginary Child
(White Paddy Mountain, 2015)

Sempre più intense e diffuse si fanno le frequentazioni giapponesi di Federico Durand, come del resto è naturale che sia, vista la delicatezza impressionistica e il fragile equilibrio che caratterizzano la sua peculiare tavolozza elettro-acustica. Dopo Tomoyoshi Date, con il quale condivide l’ormai stabile progetto Melodía, è ora la volta di un altro tra i più ispirati sperimentatori ambientali nipponici, il prolifico Chihei Hatakeyama, l’incontro con il quale è avvenuto proprio in occasione dell’ultimo tour che durante lo scorso anno lo ha nuovamente condotto in Giappone.

Da quell’incontro sono scaturite le quattro lunghe tracce adesso raccolte in “Magical Imaginary Child”, realizzate attraverso l’esclusiva combinazione tra le modulazioni chitarristiche dell’artista orientale e le registrazioni ambientali impresse su nastro da parte di quello sudamericano. Oltre alla naturale curiosità che ha sempre spinto entrambi i musicisti alla collaborazione, motore dell’ispirazione che ha condotto al lavoro è stata – si legge nelle note di copertina – una piccola statua del Buddha conservata in un tempio nei dintorni dell’abitazione di Hatakeyama, dove i quattro brani sono stati registrati.

Il contesto, la suggestione concettuale e la sensibilità che accomuna entrambi gli artisti hanno costituito gli elementi propedeutici a donare a “Magical Imaginary Child” una marcata sensazione domestica e meditativa, che attraverso minuti dettagli compositivi e variazioni graduali definisce una materia sonora dolcemente evocativa. Mentre i primi due brani sono pressoché uniformemente incentrati su morbidi loop e frequenze basse, appena intessuti da fremiti e ologrammi di field recordings, i due – più lunghi – restanti presentano qualche increspatura in più, determinata dalle irregolarità dei nastri, che infine si trasformano esse stesse in riflessi adamantini.

È questo il suggello e probabilmente il fine ultimo delle vaporose modulazioni sviluppate da due artisti dalla spiccata sensibilità minimale, la cui interazione non ha prodotto una sommatoria meccanica degli elementi da ciascuno di loro apportati al progetto comune, bensì ha plasmato cinquanta minuti di ambience raccolta, cinematica, spiritualmente avvolgente.

http://www.chihei.org/
http://federicodurand.blogspot.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: