music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

WILLIAM RYAN FRITCH & MATT FINNEY – A History, In Boxes
(Lost Tribe Sound, 2017)

Non è qualcosa di radicalmente inedito per William Ryan Fritch completare con parti vocali le sue oblique composizioni da camera, né per Matt Finney associare le proprie tenebrose narrazioni in spoken word a basi sonore sperimentali, com’era avvenuto giusto un anno fa con Siavash Amini in “Familial Rot“. Ciò non significa tuttavia che la collaborazione tra i due che ha generato “A History, In Boxes” non sia affatto ambiziosa; anzi, dato il profilo di entrambi gli artisti dal loro incontro non poteva scaturire se non qualcosa di estremamente intrigante.

Il grave timbro di Finney, i suoi testi densi di rimpianto umano e la loro esplicita ispirazione cinematografica trovano infatti sponda ideale nella poliedrica strumentazione del compositore californiano, la cui alternanza di registri e sonorità rispecchia in maniera estremamente fedele i saliscendi emotivi delle storie narrate, sfocate dal tempo e illanguidite dalla nostalgia. Movimenti d’archi di toccante solennità dominano per ampi tratti il corso del lavoro, amplificando le suggestioni impresse indelebilmente nella memoria e non più reversibili, come immagini su una pellicola in bianco e nero; alternando con straordinario equilibrio occasionali crescendo distorti, granulose frequenze ambientali e gentili tocchi acustici, Fritch elabora una cornice ideale per il crooning parlato di Finney, che pure continua a risultare pienamente autosufficiente in passaggi strumentali che a tratti si dischiudono in maestose elevazioni da colonna sonora.

Per quanto diversi ne siano i presupposti, più di un passaggio di “A History, In Boxes” può far pensare al coronamento, vent’anni dopo, dell’evoluzione di quel post-rock orchestrale che spesso presentava parti in spoken word, qui invece organicamente legate agli aspetti compositivi, e del quale le creazioni di Fritch e Finney condividono senz’altro gli aspetti di latente tensione e austero romanticismo.

http://williamryanfritch.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: