music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

geaveyard_tapes_our_sound_is_our_woundGRAVEYARD TAPES – Our Sound Is Our Wound
(Lost Tribe Sound, 2013)

Quando si uniscono anima e mente, sentimento e sperimentazione, può nascere un album come “Our Sound Is Our Wound”. Due artisti provenienti da retroterra affini ma non sovrapponibili, accomunati nella loro espressione da una latente tensione e da un senso di incertezza, di scoramento, si sono incontrati tre anni fa nella loro Edimburgo; da questo incontro estemporaneo è gradualmente maturato un progetto di collaborazione oggi riassunto in Graveyard Tapes, duo formato da Euan McMeeken (Glacis, The Kays Lavelle, mini50 Records) e da Matthew Collings (Sketches For Albinos, nonché collaboratore di Talvihorros e Dag Rosenqvist).

Come già la denominazione prescelta e il titolo dell’album lasciano presagire, le otto tracce in esso raccolte sono frutto di una serie di inquietudini tradotte in immagini seppiate, fortemente evocative. Estremamente vario, in conseguenza delle personalità dei due artisti, è il contenuto di “Our Sound Is Our Wound”, che spazia da destrutturazioni ed evanescenze dronico-sintetiche a canzoni dominate dal pianoforte (“Bloodbridge”, “Memorials”) o pervase da vivaci slanci di ritmiche sintetiche (“Insomniac Dawn”). Se si eccettuano i pur tenebrosi languori veicolati dai feedback in bassa fedeltà di “Hunting For Statues”, tratto comune di quasi tutti i brani è una patina di desolazione poco o nulla edulcorata, che solo nelle toccanti confessioni pianistiche di McMeeken trovano requie, sotto forma di una sobria introspezione, culminante nel rassegnato romanticismo della conclusiva “Wolves”, accanto a “Bloodbridge” il pezzo più prossimo alle recenti esperienze di Glacis.

Da tale sfaccettato quadro si staglia il profilo di un disco profondamente empatico, che proprio nella sua pluralità di stili ed espressioni consegue equilibrio tra ragione e sentimento, in coerenza con i mutevoli moti di un animo inquieto.

http://www.facebook.com/graveyardtapes

Annunci

Un commento su “

  1. Pingback: rearview mirror: 2013 | music won't save you

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: