DAY BEFORE US – Nihil Interit (Rage In Eden, 2016) Ormai da qualche tempo Philippe Blache ha aperto il suo progetto dark-ambient Day Before Us a una dimensione lirico-orchestrale che da un lato ne amplifica il respiro, dall’altro ne rende ancora le suggestioni più evocative. Negli otto brani di “Nihil Interit” quest’ultimo profilo appare predominante, anche…

PADANG FOOD TIGERS & SIGBJØRN APELAND – Bumblin’ Creed (Northern Spy, 2016) A quattro anni dall’ultimo “Ready Country Nimbus“, Stephen Lewis e Spencer Grady tornano a rispolverare il loro progetto Padang Food Tigers, perpetuando il lascito dei magnifici Rameses III, ormai silenti dallo scorso decennio, dei quali i due musicisti inglesi costituivano due terzi della formazione….

[streaming] Jo Mango – Wisps Of Something

Taken from “It Is Something To Have Been”, a split EP featuring four of Olive Grove Records finest talents, Jo Mango, Call To Mind, State Broadcasters and The Son(s). In a field saturated with folk-influenced singer-songwriters Jo Mango stands apart. Her beguiling yet intensely intellectual work draws upon her adventures whilst travelling the world as a…

SONICBRAT – Murmurations (Kitchen, 2016) A tre anni esatti di distanza dalle minimali pièce notturne di “Stranger To My Room”, il compositore singaporiano Darren Ng, alias Sonicbrat, torna a cimentare la propria formazione di musicista classico nella creazione di itinerari sonori dagli spiccati contenuti descrittivi. Nel caso di “Murmurations”, lo spunto di ispirazione coincide con una…

THE SECRET SEA – Everest (Dazzleships, 2016) Le nove canzoni di “Everest” vengono da lontano e guardano lontano; raccontano della storia personale di Amit Erez, artista israeliano molto popolare in patria, che da qualche tempo ha radicalmente mutato vita e modalità di realizzazione della propria musica in seguito al suo trasferimento nella “capitale folk” Portland….

RALEGH LONG – We Are In The Fields E.P. (Gare du Nord, 2016) Ci sono tanti diversi modi per rappresentare in musica ambienti bucolici; dalle incantate atmosfere acustiche dei moderni contemplatori della countryside britannica a oblique ibridazioni di malinconie rurali. C’è pero anche un modo più semplice e diretto, che passa attraverso canzoni animate da…

STIJN HÜWELS & NORIHITO SUDA – Sleep, Shared (Dauw, 2016) Abitualmente concepite negli spazi delimitati di uno studio o di una stanza domestica, le opere di manipolazione sonora trovano ben meno frequente origine in una partecipata dimensione dal vivo. Quest’ultima è invece la premessa delle due lunghe composizioni che riempiono per intero i quaranta minuti…

[video of the week] thisquietarmy – Tu aimerais parfois te retirer de ta matiére

Song from upcoming thisquietarmy album “Métamorphose” out February 13th, 2017 on Grains Of Sand Records. thisquietarmy is a Montreal-based project active since 2005. Revolving around improvised guitar drone and by combining textural & structural elements of ambient/noise, electronic/shoegaze, post-punk/krautrock, black/doom metal, thisquietarmy creates an impressive wide range of dynamic soundscapes which oscillates between the beauty…

CHIHEI HATAKEYAMA – Above The Desert (Dronarivm, 2016)* Al termine di un anno, al solito, ricchissimo di collaborazioni e di uscite solitarie che lo hanno visto spaziare attraverso i diversi paradigmi di un’ambience estesa da una densa grana prossima al rumore (“Requiem For Black Night And Earth Spiders”) a decompressi abbandoni contemplativi (“Grace”), Chihei Hatakeyama completa…

[memories] BLUE BELL KNOLL

COCTEAU TWINS – Blue Bell Knoll (4AD, 1988) La sottile linea di in(de)finitezza che, in fondo, accomunava molta della musica capace di impressionare un adolescente alla scoperta dello sconfinato universo di suoni inusitati (e accomuna anche quella di molta musica odierna…) trovava incarnazione privilegiata, tra anni ’80 e ’90, in rilucenti coltri di riverberi chitarristici…

DMITRY EVGRAFOV – The Quiet Observation (Fat Cat / 130701, 2016) Da una pièce realizzata per il connazionale regista Vladimir Back trae spunto il nuovo lavoro di Dmitry Evgrafov: sette brevi composizioni per pianoforte, inizialmente allegate alle immagini, ma del tutto autosufficienti nella dimensione che le raccoglie in “The Quiet Observation”. Tutto nasce a partire…

NHUNG NGUYEN – Nostalgia (Self Released, 2016) I rami spogli, il buio prolungato e la conclusione di un periodo di vita corrispondente con il termine di un anno solare suscitano inevitabili sensazioni malinconiche, rivolte al trascorrere del tempo, a stagioni atmosferiche e personali lasciate dietro le spalle. Non poteva dunque esserci iconografia e contesto di produzione…

FEMININE – Lorelei (La Bèl, 2016) Un’identità nuova per passioni antiche: la prima ha assunto la denominazione di Feminine per proseguire il flusso delle seconde, legate a un romanticismo wave rispondente a puro istinto e, dunque, mai fuori moda. Feminine è un duo formato a distanza da Francesco Cipriano e Giampiero Riggio, quest’ultimo già protagonista…

CHRISTINE OTT – Tabu (Gizeh, 2016) A pochi mesi dal suo debutto solista, “Only Silence Remains”, Christine Ott presenta un lavoro concepito in associazione con le immagini, ma non per questo meno organico. Si tratta nell’occasione dell’integrale sonorizzazione del film degli anni Trenta “Tabù”, realizzata e realizzata dal vivo nel corso di una proiezione svoltasi…

DAKOTA SUITE & QUENTIN SIRJACQ – Wintersong (Schole, 2016) Per un animo sensibile come quello di Chris Hooson, le particolari condizioni nelle quali per due volte negli ultimi cinque anni ha effettuato un tour giapponese hanno fatto scoccare in lui in entrambi i casi la scintilla propedeutica alla realizzazione di un lavoro suscitato proprio da…

CHIHEI HATAKEYAMA – Coastal Railroads In Memories (White Paddy Mountain, 2016) In pochi altri casi come in quello di “Coastal Railroads In Memories”, il contenuto concettuale o semplicemente di ispirazione delle opere ambient-drone traspare sin dal titolo e dall’artwork della loro copertina. Le cinque tracce raccolte nel lavoro di Chihei Hatakeyama altro non sono, infatti,…

TALONS’ – Shitty Aja (Self Released, 2016) Il ricco 2016 di Mike Tolan, apertosi con le narcolessie atmosferiche di “Growing Up” e proseguito con le ben più aspre incursioni elettriche di “Work Stories” si chiude con un nuovo capitolo di un percorso inteso quale sostanziale superamento del suo duraturo progetto Talons’, che non a caso…

[streaming] Enderby’s Room – Lakeside

Enderby’s Room is fiddle player Dan Mayfield, once from rural Lincolnshire, but he has now found home living in London. His folk tinged songs reflect on his traditional folk upbringing, which included playing fiddle for Morris dancing sides around the country. Mayfield has played fiddle for many artists including Daniel Johnston, Darren Hayman, The Wave…