music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

matthew_collings_splintered_instrumentsMATTHEW COLLINGS – Splintered Instruments
(Fluid Audio, 2013)

Dopo un paio di prestigiose collaborazioni (Talvihorros, Dag Rosenqvist, Glacis), giunge il momento del debutto solista per lo scozzese Matthew Collings, che in “Splintered Instruments” raccoglie una serie di sperimentazioni realizzate a partire da una strumentazione interamente acustica, in seguito manipolata in maniera talora molto incisiva.

Prodotto da Ben Frost (che vi partecipa al piano e ai synth nel brano d’apertura “Vasilia”), il lavoro viaggia dunque tra gli estremi di apici di rumore bianco e saturazioni droniche, alternati a momenti di quasi intatto camerismo jazzy, nei quali si distingue nettamente l’impianto di base composto da archi, ottoni, clarinetto e theremin.
Un approccio “concreto” e fulminante all’ambient.

(pubblicato su Rockerilla n. 390, febbraio 2013)

http://cargocollective.com/mcollingsmusic

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: