music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

THE DECLINING WINTER – Belmont Slope
(Home Assembly, 2018)

Non sembra un caso che la pubblicazione del nuovo lavoro di Richard Adams coincida con una transizione stagionale, da sempre quella più congeniale ai suoni e all’ispirazione dell’ex-Hood, ormai alla quinta pubblicazione sulla lunga distanza come The Declining Winter, a tre anni di distanza dal precedente “Home For Lost Souls“.

Benché “Belmont Slope” non smentisca l’inclinazione rurale del progetto, i suoi nove brani vi introducono una varietà di sfumature solo parzialmente palesate in precedenza, da un lato rivestendosi di una più pronunciata patina elettronica, dall’altro esplicitando una vena pop dai contorni pur sempre indefiniti. Idealmente inscritto entro le due parentesi dell’obliquo incipit “My Divided World” e dell’indolente calore folk della chiusura “I Will Never Lose Your Heart”, che si riconnettono ai caratteri di tutto ciò che The Declining Winter ha rappresentato nel corso dei suoi dieci anni di esistenza, l’immaginario di endemica malinconia di Richard Adams si colora di tratti visionari, ma non per questo meno desolati.

Non a caso, a dispetto della fluidità melodica delle canzoni della sua parte iniziale (“Break The Elder”, “Near Garden”), la chiave di volta di “Belmont Slope” risiede tutta nelle scie sintetiche della title track e di “Twilight Rating”, che alimentano vaporosi scenari post-industriali, solo interpolati da gentili arpeggi acustici (“Later And Later Indeed”). Sono tuttavia gli oltre otto minuti dell’estesa “Still Harbour Hope” a rivelare il rinnovato punto di equilibrio tra le molteplici anime artistiche di Richard Adams, riportando in prossimità delle periferie urbane – ma ben distante dai linguaggi metropolitani di “Cold House” – attraverso una sequenza di densi riflessi artificiali, scanditi da pulsazioni, che giungono a lambire le atmosfere più enigmatiche dei Bark Psychosis.

Amplificando in maniera graduale ma costante i capisaldi espressivi che caratterizzano la produzione di Richard Adams da ormai un paio di decenni, “Belmont Slope” segna la nuova tappa di un percorso ellittico e personale quanto pochi altri nella musica indipendente britannica, che diluisce echi di una rudimentale matrice folk in paesaggi impregnati di una malinconia sempre più affascinante.

http://www.thedecliningwinter.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: