music won't save you

suggestioni musicali a cura di raffaello russo

the_frozen_vaults_1816THE FROZEN VAULTS – 1816
(VoxxoV, 2015)

La recente cassetta “Stilled” costituiva dunque soltanto la ripresa del discorso collaborativo tra le manipolazioni ambientali di Bartosz Dziadosz (Pleq) ed Harry Towell (Spheruleus) e l’ensemble cameristico costituito dal pianoforte di Yuki Murata (Anoice) e dagli archi di Tomasz Mreńca e Dave Dhonau.

Dopo anni di intervallo seguiti alle due lunghe tracce di “The Machine Stops” (2011), ecco finalmente il progetto dei cinque artisti The Frozen Vaults per la prima volta impegnato in un lavoro organico, non solo articolato nella sua struttura e durata ma anche consacrato a un’unitaria traccia concettuale. Dato il nome del collettivo formato a distanza dai cinque artisti, quest’ultima non poteva che essere legata al freddo, tema peraltro assai comune quando si tratta di opere di sperimentazione ambientale; vi è tuttavia molto di più in “1816”, album intitolato appunto all’anno che viene ricordato tra i più rigidi dell’era moderna, in quanto l’interazione tra lavorazione immateriale del suono e dimensione armonica reale di pianoforte e archi produce un’ibridazione densa di suggestioni cinematiche.

I dieci brani del lavoro comprendono i tre già pubblicati in “Stilled”, adesso calati in un contesto nel quale concorrono a descrivere una galleria di fenomeni atmosferici (ghiaccio, nebbia, diafana luce solare) attraverso le sensazioni da essi suscitate. Così, all’attesa sospesa e vagamente angosciosa resa dalle saturazioni dell’apertura “First Moments” si alternano istantanee ariose plasmate da soffi ambientali ed elongazioni di archi (“Cold Light Of Day”, “The Great Thaw”) o da compunti ricami pianistici (“Cloak Of Lingering Fog”, ”A Year Without Summer”).

Pur senza sconfinare mai in un esplicito romanticismo, l’austera ambient orchestrale di “1816” bilancia neoclassicismo e spirali avvolgenti con un equilibrio e una capacità immaginifica niente affatto comune, che non poteva che risultare dall’incontro tra esperienze e linguaggi espressivi diversi ma tra loro perfettamente complementari.

https://www.facebook.com/TheFrozenVaults

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: