KARIMA WALKER Waking The Dreaming Body (Keeled Scales / Orindal, 2021) Fin dal suo “Hands In Our Names”, era sufficientemente chiaro come il profilo di Karima Walker non fosse riassumibile in quello di una semplice cantautrice. Benché il folk e le sonorità acustiche facessero senz’altro parte della sua formazione musicale e della sua sensibilità creativa,…

LISA/LIZA – Shelter Of A Song (Orindal, 2020) Per il suo terzo album, Liza Victoria è tornata letteralmente a rifugiarsi nella scarna dimensione espressiva di chitarra e voce che caratterizzava le sue prime produzioni casalinga sotto l’alias Lisa/Liza. Accantonate per il momento la condivisione creativa e le vesti moderatamente elettriche del precedente “Momentary Glance” (2018),…

GIA MARGARET – Mia Gargaret (Orindal, 2020) Già nel debutto “There’s Always Glimmer” (2018), Gia Margaret aveva dimostrato di non essere una classica cantautrice appena uscita dalla dimensione produttiva della “cameretta”, rivestendo il fragile intimismo delle sue canzoni con una varietà di arrangiamenti e ambientazioni sonore trasognate. Tuttavia, non era facile immaginare che la sua…

ADVANCE BASE – Live At Home (Orindal, 2020) In un periodo nel quale le registrazioni casalinghe in circolazione si sono moltiplicate, anche al di là della scelta estetica degli artisti, non sorprende che un artista come Owen Ashworth, la cui attività ventennale è stata sempre improntata a produzioni “da cameretta”, sia tornato a proporre alcune…

TJO – Songs For Peacock (Orindal, 2020) Benché non sia inedito, per Tara Jane O’Neil, essere identificata con l’acronimo TJO, è la prima volta in quasi trent’anni di attività che quell’acronimo è riportato non nelle note di copertina ma a designare ufficialmente un suo lavoro. Il motivo è ben presto spiegato e discende da un…

#musictosave #004

ALLISTER THOMPSON – No Reason to Cry: Songs by Grant McLennan (Self Released, 2020) Non stupisce ritrovare Allister Thompson (The Gateless Gate) dedicare una raccolta di cover al compianto co-fondatore dei Go-Betweens. Eppure, l’artista canadese non è affatto nuovo a cimentarsi con canzoni dalle chitarre effettate, praticate anche nel suo altro progetto Twilight Fields. Le…

BODUF SONGS – Abyss Versions (Orindal, 2019)* Per chi ne ha seguito il percorso artistico a partire dal demo spedito a Kranky e divenuto nel 2005 il primo album omonimo del suo alter-ego Boduf Songs, non sorprende di certo vedere riemergere per la settima volta, dall’ideale antro nel quale prendono forma, le tenebrose emissioni di…

RUTH GARBUS – Kleinmeister (Orindal, 2019)* Non è un semplice album di cantautorato femminile il secondo lavoro sulla lunga distanza di Ruth Garbus, artista del Vermont che da solista ha pubblicato un altro paio di Ep nel corso di oltre un decennio, nel quale è stata tra l’altro voce e batterista degli Happy Birthday, band…

CLAIRE CRONIN – Big Dread Moon (Orindal, 2019) Otto brani di una poetica scarna e a tratti affilata, ma non per questo disadorna, formano l’agile terzo lavoro di Claire Cronin. La voce calda e tenebrosa dell’artista di origine californiana trova in “Big Dread Moon” equilibrato complemento, oltre che nelle sue dolenti stille chitarristiche, in linee…

LISA/LIZA – Momentary Glance (Orindal, 2018)* Dalla solitudine casalinga alla condivisione creativa, dall’essenzialità acustica a un suono più articolato: con una tappa di entrambi i percorsi artistici e personali coincide “Momentary Glance”, secondo album vero e proprio di Liza Victoria, cantautrice del Maine il cui alter-ego Lisa/Liza si è ormai trasformato da artigianale progetto personale…

MATT BACHMANN – Unconditional Love (Orindal, 2018) Mentre le sempre più frequenti intersezioni tra cantautorato e texture atmosferiche sono in prevalenza la risultante di una transizione espressiva proveniente da uno dei due campi, il percorso attraverso il quale vi è pervenuto Matt Bachmann è non meno eccentrico e personale della formula musicale condensata sui due…

ADVANCE BASE – Animal Companionship (Orindal, 2018) Dagli albori delle produzioni “da cameretta”, Owen Ashworth è stato il prototipo del cantautore che, a cavallo del Duemila, affidava le sue ruminazioni intimiste a una rudimentale strumentazione elettronica. Sono trascorsi ormai quasi vent’anni da quando l’artista statunitense aveva cominciato a riassumere la sua peculiare proposta sotto l’alias…

GIA MARGARET – There’s Always Glimmer (Orindal, 2018) Per molti giovani musicisti che hanno cominciato a suonare nella proverbiale “cameretta”, la transizione da quella dimensione può essere al tempo stesso sfidante e problematica, tanto che per i più svariati motivi rischiano di restarvi confinati come in un rifugio sicuro ma inevitabilmente limitante. Nessuna paura di…

GREG JAMIE – Crazy Time (Orindal, 2018) Non meno oscuro e obliquo rispetto a quanto prodotto nelle sue precedenti esperienze negli O’Death e accanto a Joey Weiss in Blood Warrior, il debutto solista di Greg Jamie ne rivela in maniera ben più palese le radici folk, del resto strettamente connesse con l’ambiente artistico e naturale…

ROBERT STILLMAN – Portals (Orindal, 2017) Una serie di registrazioni casalinghe, realizzate durante lo scorso inverno, integra il nuovo lavoro del polistrumentista inglese Robert Stillman. “Portals” raccoglie otto sue improvvisazioni su pianoforte elettrico, variamente modulate attraverso pedali ed effetti, che ne trasfigurano l’essenza in risonanze armoniche, che non solo restituiscono le sensazioni dell’ambiente nel quale sono…

KARIMA WALKER – Hands In Our Names (Orindal, 2017) Il primo passo fuori dal microcosmo delle produzioni su cassetta, supporto sul quale aveva debuttato lo scorso anno, Karima Walker lo compie sotto forma di un’immediata ristampa rimasterizzata su vinile della propria opera prima. Nella nuova veste, “Hands In Our Names” mantiene comunque l’immediatezza polverosa e…

LISA/LIZA – Deserts Of Youth (Orindal, 2016)* I tempi erano ormai maturi affinché Liza Victoria giungesse a una produzione dotata di tutti i crismi dell’ufficialità. Passo dopo passo, la cantautrice del Maine è transitata dal microcosmo delle cassette e dei cd-r casalinghi, alle edizioni digitali e alla prima vera e propria pubblicazione fisica (“The First Museum”,…

ADVANCE BASE – Nephew In The Wild (Orindal, 2015) C’era una volta Casiotone For The Painfully Alone, progetto che per una decina d’anni aveva rappresentato un piccolo culto indipendente per la sua associazione tra songwriting e pulsante dimensione analogica; oggi – anzi, ormai da qualche tempo – c’è Advance Base, reincarnazione sotto forma di una scrittura…

JULIE BYRNE – Rooms With Walls And Windows (Orindal, 2014) Non è solo per la policromia sbiadita della copertina del suo album di debutto che Julie Byrne sembra sbucare da un diverso contesto temporale; ugualmente sfumati e come ammantati da un’aura polverosa sono i contorni della sua essenziale espressione folk. I dodici brani di “Rooms…